Giancarlo Magalli è stato rinviato a giudizio dal Tribunale di Milano per diffamazione nei confronti della conduttrice Adriana Volpe.

MILANO – Giancarlo Magalli rinviato a giudizio per diffamazione nei confronti della conduttrice Adriana Volpe. E’ questa la decisione presa dal Tribunale di Milano. Il processo – riferisce Dagospia – inizierà il prossimo 15 luglio con il conduttore de I Fatti Vostri che dovrà presentarsi davanti al giudice per difendersi.

Una diatriba che ormai dura da diversi anni. L’avvocato della conduttrice aveva chiesto al magistrato il rinvio a giudizio dopo l’intervista lasciata da Magalli nel 2017 al settimanale Chi. Dichiarazioni durissime nei confronti della presentatrice.

Milano, Giancarlo Magalli duro su Facebook: “Lavora da vent’anni grazie ad una stima di una persona”

L’intervista rilasciata a Chi nel 2017 da Giancarlo Magalli è stata seguita da un post sui social sempre del conduttore: “Ci sono sicuramente giovani bravi che prenderanno il mio posto prima o poi ma non riesco ad annoverare tra questi anche Adriana che, guarda caso, lavora da vent’anni grazie alla stima di un’unica persona“.

Vent’anni – continua Magalli – sì, perché anche lei non è proprio una bambina. E non mi sembra di avere offeso nessuno. Dov’è l’offesa? Nel dire che lavorare con le non mi piace? Io la chiamo sincerità, ma chi non ci è abituato può non gradire, lo capisco“. Pensiero diverso per il Tribunale di Milano che nelle prossime settimane dovrà emettere la sentenza.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Giancarlo Magalli
Giancarlo Magalli

La diatriba tra Giancarlo Magalli e Adriana Volpe

Il duello verbale tra Adriana Volpe e Giancarlo Magalli negli anni scorsi si è spostato anche in televisione. La conduttrice in una diretta su RAI2 ha sottolineato l’età avanzata del collega che l’ha definita una rompic*******. Insomma una battaglia che è andata avanti anche via social ma ora l’ultima parola spetta spetta al Tribunale di Milano con il processo che prenderà il via dal prossimo 15 luglio.


Incidenti sul lavoro, il bilancio si aggrava: sei le vittime al Sud

Caso Montante, l’ex leader di Sicindustria condannato a 14 anni