“Chiaro interesse sessuale” di Garlaschi nei confronti di Jessica

Il corpo della giovanissima Jessica Valentina Faoro è stato trovato senza vita a Milano. Fermato un tranviere di 39 anni.

12/02 – Nuova svolta nelle indagini sulla morte di Jessica Valentina Faoro, la giovane uccisa a Milano. Il gip Anna Calabi ha reso noto nell’ordinanza di fermo emanata nei confronti di Alessandro Garlaschi che il trentanovenne nutriva un chiaro interesse sessuale nei confronti della ragazza.

A evidenziarlo un biglietto scritto a mano dallo stesso Garlaschi che si rivolgeva a Jessica con dolci appellativi e le riservava preoccupanti attenzioni alla ricerca del contatto fisico.

Secondo la relazione del medico legale Jessica sarebbe stata colpita ben quaranta volte con il coltello, un elemento che sottolinea la brutalità del gesto.

Carabinieri
Fonte foto: https://www.facebook.com/carabinieri.it/

09/02. Continua i infittirsi il mistero legata alla morte di Jessica Valentina Faoro, la giovane di diciannove anni uccisa con due coltellate in un palazzo di via Brioschi a Milano. Ascoltato dagli inquirenti, Alessandro Garlaschi ha confermato di aver ucciso la ragazza ma ha parlato di legittima difesa in seguito a un tentativo di aggressione da parte di Valentina, armata di coltello.

Il procuratore di Macerata Giovanni Giorgio ha reso noti i risultati dell’autopsia effettuata sul corpo della ragazza: “I primi esiti degli espletati accertamenti medico-legali non hanno consentito di raggiungere risultati altamente significativi sul piano probatorio“.

Carabinieri
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/carabinieri.it/

Aggiornamento 8/02 ore 18:30 – Al termine di un lunghissimo interrogatorio arrivano le prime ammissioni di colpa da parte di Alessandro Garlaschi: “L’ho uccisa dopo che aveva cercato di colpirmi. Ho rigirato il coltello e l’ho colpita allo stomaco“.

MILANO – Il corpo senza vita di Jessica Valentina Faoro è stato trovato questa mattina intorno alle 10:30 in un palazzo di via Brioschi, 93 a Milano. Secondo i primi accertamenti la ragazza è stata uccise con due coltellate alle 4. Per l’omicidio è stato fermato un tranviere di 39anni, Alessandro Garlaschi. Sin da subito l’uomo era tra i sospettati visto che viveva con la moglie nella stessa casa dove la vittima ormai abitava da una decina di giorni dopo un passato in comunità.

Stando alle informazioni emerse sembra che l’uomo abbia fatto delle parziali ammissioni.

Omicidio a Milano, Garlaschi ha lanciato l’allarme

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, l’allarme è stato lanciato dallo stesso Garlaschi – che nel 2014 aveva un precedente per stalking – che questa mattina sarebbe sceso in portineria con i vestiti sporchi di sangue e avrebbe detto: “Ho una ragazza morta in casa”. Sarebbe stato il quarantenne anche a chiamare i soccorsi. Al momento non si conoscono i motivi dell’aggressione. L’uomo avrebbe confessato agli inquirenti una colluttazione mentre lei si stava per fare un’iniezione di diabate mentre gli investigatori pensano ad un omicidio passionale. La ragazza sarebbe stata uccisa dopo aver respinto un suo approccio. Andato nel panico, ha tentato di dare fuoco al corpo della donna, successivamente ha provato a tagliarsi i poli e avrebbe infine buttato il coltello. Le indagini proseguono per cercare di capire il movente dell’uccisione.

ultimo aggiornamento: 12-02-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X