Mini Paceman vs Mini Countryman: confronto tra passato e presente

Mini Paceman vs Mini Countryman: entrambe fanno parte della categoria Sport Activity Coupé, sfoggiando tratti da SUV compatto abbinati anche alla trazione integrale.

Paceman e Countryman sono due modelli appartenenti alla gamma auto Mini. La prima è stata prodotta tra il 2012 ed il 2017 mentre la seconda è stata lanciata sul mercato nel 2010; dopo il restyling del 2014, dal 2017 è in commercio la seconda generazione. Pur essendo affini, i due modelli presentano alcune sostanziali differenze, in particolare dal punto di vista del design, specie per il profilo del posteriore, con il tetto della Paceman che presenta un’inclinazione più pronunciata verso il retro.

Motorizzazioni a confronto

La gamma di motori della Mini Paceman comprende un propulsore a benzina e due a diesel. Il primo è un 4 cilindri da 1.6 litri abbinato al cambio meccanico a 6 rapporti. Veniva declinato nei tagli da 122 CV (aspirato, anche a trazione integrale), 184 CV e 190 CV (entrambi sovralimentati). La versione John Cooper Works è equipaggiata con l’1.6 turbo da 218 CV abbinato alla trazione integrale. L’offerta di power train a diesel, invece, comprende il turbo quattro cilindri da 1.6 litri, che sviluppa 111 CV accoppiato al cambio meccanico a 6 rapporti ed alle quattro ruote motrici; l’altro motore diesel della Paceman è un 2.0 litri, declinato in due tagli di potenza (111 CV e 143 CV), entrambi disponibili con trazione integrale e cambio automatico.

Per quanto riguarda le motorizzazioni Mini Countryman, il ventaglio di opzioni è più ampio. La gamma di motori turbo benzina – aggiornata di recente – include il tre cilindri da 1.5 litri, offerto nelle carature da 102 CV e 136 CV abbinate al cambio manuale a sei marce. Il 2.0 litri, invece, è un 4 cilindri in linea, sovralimentato, a trazione anteriore nel taglio da 192 CV e con le quattro ruote motrici per il 231 CV offerto sulla versione John Cooper Works. Anche i power train a gasolio sono due: il tre cilindri turbo da 1.5 litri e 116 CV, con cambio meccanico a sei marce, e il 4 cilindri da 2.0 litri, disponibile sia nel taglio da 150 CV che da 190 CV (abbinato alle quattro ruote motrici solo sugli allestimenti Business e Hype). Della Mini Countryman esiste anche una variante ibrida, spinta da un 1.5 litri (a trazione integrale con cambio automatico) che sviluppa 224 CV.

Mini Paceman Vs Mini Countryman
Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/motoringfile/4835834023

Il listino prezzi Mini Paceman vs Mini Countryman

Per la Mini Paceman è difficile individuare i prezzi di base, trattandosi di un prodotto fuori listino. In maniera orientativa, al netto delle combinazioni allestimento-motore, il modello si colloca in una fascia medio alta di prezzo che oscilla tra i 24.000 e i 37.000 euro. Dati più precisi sono invece disponibili per il listino prezzi Countryman. I modelli a benzina costano tra i 25.600 e i 44.950 euro (necessari per la John Cooper Works 4×4 con cambio automatico) mentre le versioni con motore a gasolio vanno da 28.250 euro a 43.050 euro. I due allestimenti con motore ibrido costano 39.100 euro (versione base) e 42.700 euro (allestimento Hype).

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/72007988@N04/7985472584

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/motoringfile/4835834023

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 18-07-2018

Redazione Napoli

X