Sono state definite le modifiche della Camera al dl Rilancio atteso in Aula lunedì 6 luglio.

ROMA – Il dl Rilancio dovrebbe arrivare in Aula il 6 luglio con la Camera che ha definito tutte le modifiche al provvedimento. Montecitorio si prepara ad accogliere nelle prossime ore il decreto fortemente voluto da questa maggioranza per rilanciare il Paese.

Si prospettano giorni di tensione in Parlamento con l’esecutivo che potrebbe decidere di mettere il voto di fiducia per accorciare i tempi dell’approvazione del testo.

Le modifiche al dl Rilancio

La discussione nelle varie Commissioni della Camera sul decreto Rilancio è durata diverse settimane. Alla fine si è deciso di introdurre delle modifiche rispetto al testo iniziale.

Via libera alla proroga del congedo straordinario fino al 31 agosto per i genitori di bambini fino a 12 anni.

In tema lavoro da segnalare come tutte le persone ad alto rischio contagio hanno il diritto di utilizzare lo smartworking.

Per tutti i dipendenti con un contratto di apprendistato o a termine che sono stati sospesi è prevista una proroga dell’assunzione in misura equivalente al periodo dello stop.

Superbonus e le altre novità

Come anticipato nei giorni scorsi, il Governo ha deciso di estendere il superbonus anche alle seconde case e alle villette.

Il reddito di emergenza può essere richiesto anche da famiglie che occupano un immobile in modo abusivo. Questo nucleo, però, deve avere un minore o un soggetto meritevole di tutela.

Nel testo, riportato da La Repubblica, c’è anche un capitolo dedicato ai centri estivi. Progetti che potranno riguardare la fascia di età dai 0 ai 16 anni e non solo quella dai 3 ai 14 anni come inizialmente previsto dal provvedimento approvato in Consiglio dei ministri.

Testo atteso in Aula

Misura attesa nelle prossime ore alla Camera con il testo che, dopo il via libera di Montecitorio, dovrà passare dal Senato prima dell’approvazione definitiva.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
dl rilancio economia evidenza politica

ultimo aggiornamento: 03-07-2020


Conte teme il ribaltone e prova a compattare il governo. Ma i nodi restano

Alitalia e Volotea nel mirino dell’Antitrust: aperta istruttoria