Un Milan camaleontico per Montella: dal 4-3-3 al 4-2-3-1 fino alla difesa a tre

Con l’imminente arrivo anche di Conti, Montella inizierà a lavorare a Milanello con sette volti nuovi. Il tecnico potrà schierare diversi moduli, anche nel corso della stessa gara. E sul mercato…

chiudi

Caricamento Player...

La truppa di Vincenzo Montella si radunerà tra poco a Milanello, presso il centro sportivo di Carnago, per iniziare una lunga stagione che vedrà i rossoneri impegnati anche in Europa dopo tre stagioni di assenza. Il grande lavorio sul mercato operato dal tandem Fassone-Mirabelli ha praticamente consegnato all’Aeroplanino una nuova formazione che va a aggiungersi alla rosa della passata stagione: Musacchio, Ricardo Rodriguez, Kessié, Borini, André Silva, Calhanoglu e Conti, per il quale si chiuderà entro domani. Sette elementi, una spesa da 160 milioni!

Manca ancora qualcosa

Nel dettaglio, il Milan porta a Milanello agli ordini di Montella un terzino destro, un centrale di difesa, un terzino sinistro, un centrocampista, un trequartista con capacità di adattamento, e due attaccanti (prima e seconda punta). Il mercato dei rossoneri, in ogni caso, è sempre alla ricerca di altri tasselli per completare il puzzle: innanzitutto un regista e la scelta perfetta sarebbe il laziale Biglia; poi si cerca un altro attaccante (Kalinic, ndr) e, infine, un’altra mezzala potrebbe far comodo. In tutto, sarebbero dieci nuovi acquisti, una formazione intera…

Quale modulo?

Montella ripartirà dal 4-3-3 ma, come scrive La Gazzetta dello Sport, potrebbe adottare altri schemi tattici a seconda della partita e variarli anche nel corso della gara stessa. Con gli stessi interpreti, a esempio, è validissimo il 4-2-3-1: in questo contesto, qualche dubbio solo per Kessié, che all’Atalanta ha agito per lo più da mezzala/incursore. L’attaccante di riferimento è André Silva con Suso sicuro sull’out di destra e Calhanoglu su quello di sinistra ma potrebbe accentrarsi lasciando il posto a un Bonaventura più largo e più avanzato. Infine, la difesa a tre, con l’inserimento di Zapata e Conti e Rodriguez avanzati sulla linea dei centrocampisti.