Vincenzo Montella a parlato su Popcast sul canale Twitch di GOAL: “Balotelli è molto motivato. Vlahovic è una soddisfazione”.

Vincenzo Montella vive in Turchia, allena l’Adana Demirspor, un’esperienza molto particolare. Ecco le parole dell’ex attaccante della Roma e Sampdoria tra le sue squadre.

Inizia parlando di Balotelli: “Fin da quando sono arrivato l’ho visto molto convinto del fatto di voler tornare in Nazionale. L’ho trovato in condizioni molto buone e sono molto contento per lui. Mancini gli ha dato una bella iniezione di fiducia convocandolo di nuovo e Mario ha grandissime ambizioni. Ora sta a lui continuare a progredire nei prossimi mesi. Vedremo come staranno gli altri attaccanti della Nazionale, ma lui a differenza di altri ha il tiro da trenta metri. E’ il nostro giocatore più importante e conosciuto e credo che abbia un contratto lungo che lo lega alla società”.

Vincenzo Montella

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Montella ricorda il passato

Montella ha ricordato alcuni giocatori che ha allenato: “Salah ci ha dato grandi soddisfazioni a Firenze. Se è il più forte che abbia mai allenato? Ho lavorato anche con Totti, con Cassano e Cuadrado. Ho allenato anche Giuseppe Rossi che era straordinario e Mario Gomez. Se è difficile allenare Cassano? Con me si comportò bene, ma con lui vanno spese un po’ di energie in più. Ho avuto la fortuna di allenare grandi calciatori”.

Anche Dusan Vlahovic: “E’ una soddisfazione vedere il livello che ha raggiunto. Quando era con me aveva 18 anni ed iniziava a giocare le prime partite di campionato, ma dovevo centellinarlo in una piazza come Firenze, perchè c’era il rischio di bruciarlo. Aveva grandi ambizioni e lavorava molto e proprio questa è la prerogativa che deve avere chi vuole diventare un grande calciatore. Smaniava, ma con umiltà. Adesso da ex calciatore lo capisco e gli auguro tutto il meglio”.

Parla anche di Josip Ilicic.“Gli voglio bene. E’ un ragazzo che sapeva farsi voler bene nello spogliatoio ed era molto simpatico. Nella vita ci sono cose più importanti del calcio ed io gli auguro di stare bene”.

L’allenatore parla anche di tattica

Montella ha anche rivelato come sono cambiate le sue metodologie di lavoro: “Gli anni ti aiutano ad accumulare esperienza, ma grosso modo i metodi non sono cambiati. Un grande cambiamento c’è stato solo nel primo anno, quando sono passato dai ragazzi ad allenare i grandi”.

Parlando di tattica: “Io credo che un portiere debba prima di tutto parare, ma deve anche capire il gioco e muoversi in funzione anche di ciò che fanno gli avversari”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news

ultimo aggiornamento: 04-02-2022


Tardelli: “Zaniolo? Il calcio ormai conosce forse solo il colore dei soldi”

Roma, Mourinho: “Zaniolo è un nostro giocatore fino al 2024”