Morata: “No al Manchester e alle altre offerte grazie a Conte”

Morata fa luce sul mercato: “Decisiva la chiamata di Antonio Conte, mi sento in debito con lui”.

chiudi

Caricamento Player...

Intervenuto ai microfoni del Daily Mail, l’ex attaccante della Juventus Alvaro Morata è tornato a parlare dell’ultima sessione di calciomercato che lo ha visto tra i grandi protagonisti prima del suo trasferimento dal Real Madrid al Chelsea: “Non ci ho pensato due volte a lasciare il Real Madrid per il Chelsea. Ho sempre voluto giocare con Conte, ho passato solo due mesi con lui alla Juventus ma è come se lo conoscessi da sempre. Quando ho saputo che mi voleva non ci ho pensato due volte. Zidane mi ha chiesto di restare, ma non potevo rimanere per fare la riserva. Viene un momento in cui devi giocare, crescere e lasciare la zona comfort. Più gioco e più segno e maggiori opportunità ho di essere titolare in nazionale al prossimo Mondiale. Questa estate ho ricevuto offerte di mercato non solo da Chelsea e Manchester United, ma anche da altri campionati. La conversazione decisiva è stata quella con Conte che mi ha chiesto di venire a Londra, mi sento in debito con lui. Mi ha voluto alla Juventus, ma poi ha lasciato per guidare l’Italia“.

Morata a Madrid
Alvaro Morata

Morata al Milan, così vicini e poi…

Prima della finale di Champions League tra il suo Real Madrid e la Juventus, sembrava a un passo il trasferimento di Morata al Milan, al punto che le parti sembravano aver già raggiunto un accordo economico sull’ingaggio. Galeotta insomma fu la chiamata di Antonio Conte, che ha poi costretto il Milan, sfumato anche Aubameyang, a ripiegare sul Nikola Kalinic.

Nikola Kalinic
Nikola Kalinic