Morta Emma Fighetti, la 'sarta' della Resistenza., Aveva 108 anni

E’ morta Emma Fighetti, la ‘sarta’ della Resistenza

E’ morta all’età di 108 anni la partigiana Emma Fighetti, la ‘sarta’ della Resistenza. L’annuncio del decesso è stato dato dall’ANPI.

ROMA – Un nuovo pezzo di storia della Resistenza italiana se ne è andato. E’ morta all’età di 108 anni la partigiana Emma Fighetti. A dare l’annuncio della scomparsa della donna è stato il presidente dell’ANPI di Milano, Roberto Cenati.

Abbiamo appreso con profondo dolore – scrive sulla pagina Facebook della scomparsa di Emma Fighetti, che ci ha lasciato all’età di 108 anni. Durante il fascismo trasformò il suo laboratorio di sartoria in un’eccellente copertura per le attività di sostegno ai partigiani. La ricorderemo sempre con affetto“.

Emma Fighetti
Emma Fighetti (fonte foto https://www.facebook.com/AnpiProvincialeDiMilano/)

Chi era Emma Fighetti

La Fighetti per molti anni ha rappresentato una figura molto importante della Resistenza italiana. Nata nel 1911, si era trasferita a Baggio dove ha iniziato a lavorare in una fabbrica di vernici di proprietà di un ebreo. Proprio questa esperienza l’ha portata dopo le leggi razziali di Mussolini a trasformare il suo laboratorio di sarta in un rifugio per ebrei ma è stata anche la ‘postina’ di diversi messaggio ai partigiani che erano stati nascosti in fazzoletti o bandiere rosse.

Un’attività che poteva costarle la vita come ha ricordato lei stessi in paio di occasioni: “Preparavo la colla con acqua e farina e la distribuivo ai ragazzini che dovevano affliggere sui muri i volantini contro i fascisti. In tanti sono sfuggiti alla cattura passando sotto il solaio di casa mia. Erano giovani che non volevano essere reclutati nell’esercito o partigiani braccati. Ero una sovversiva. Un paio di volte ho rischiato di essere arrestata e lì ho avuto paura“.

Ma il suo coraggio sarà sempre ricordato dai partigiani e non solo. Emma Fighetti è morta ma il suo nome resterà impresso nella storia italiana e del periodo della Seconda Guerra Mondiale.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/AnpiProvincialeDiMilano/

ultimo aggiornamento: 06-06-2019

X