È morto a 84 anni Giampaolo Pansa, noto giornalista e scrittore. Il suo nome è legato a la Repubblica e a l’Espresso.

Lutto nel giornalismo, è morto a ottantaquattro anni Giampaolo Pansa, noto giornalista e scrittore, per anni firma nota de l’Espresso e la Repubblica.

Morto Giampaolo Pansa

Giampalo Pansa si è spento a ottantaquattro anni. Dal mese di settembre era tornato a collaborare con il Corriere della Sera. Dalle colonne e dalle pagine del quotidiano era tornato a far sentire la sua voce, sempre analiticamente critica soprattutto nei confronti della politica, o meglio del bestiario.

Solo due anni fa Pansa aveva vissuto il dramma della morte del figlio Alessandro, ex Amministratore delegato di Finmeccanica.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Giampaolo Pansa
Fonte foto: https://www.facebook.com/dimartedi/?tn-str=k*F

Chi era Giampaolo Pansa, la carriera

Nato a Casale Monferrato nell’ottobre del 1935, Giampaolo Pansa inizia la sua carriera da giornalista nel 1961, quando firma il suo primo contratto e inizia a lavorare per la Stampa.

Sin dagli inizi Pansa si distingue per la sua capacità di analisi e soprattutto per la sua capacità di critica. Nel corso degli anni è andato a scavare nel mondo della politica portando alla luce scoop anche clamorosi che sarebbero rimasti nella storia del giornalismo e della nostra Italia in generale.

Negli ultimi tempi Pansa era tornato a collaborare con il Corriere della Sera, per il quale aveva scritto dal 1973 al 1977 collezionando esclusive di rilievo e interviste di grande importanza.

Al lavoro di giornalista ha affiancato l’attività di storico. Nei suoi libri ha trattato con estrema lucidità temi molto controversi e particolarmente difficili come gli anni della guerra civile. Pansa si è confrontato anche con il Fascismo e negli ultimi anni ha regalato ai suoi estimatori una approfondita analisi sulla figura di Matteo Salvini.

ultimo aggiornamento: 13-01-2020


Iran, razzi contro basi in Iraq, 4 feriti. A Teheran manifestazioni contro Khamenei

Benedetto VXI, “Sul celibato non posso tacere. È indispensabile”