Morto il giornalista Franco Di Mare: l'annuncio della famiglia
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Morto il giornalista Franco Di Mare: l’annuncio della famiglia

Franco Di Mare

Il giornalista Franco Di Mare è deceduto oggi a Roma, circondato dall’affetto della moglie, della figlia e dei suoi cari.

La famiglia ha annunciato la scomparsa del giornalista Franco Di Mare con una nota ufficiale: “Abbracciato dall’amore della moglie, della figlia, delle sorelle e del fratello e dall’affetto degli amici più cari oggi a Roma si è spento il giornalista Franco Di Mare. Seguirà comunicazione per le esequie“.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

Franco Di Mare
Franco Di Mare

Addio a Franco Di Mare: l’annuncio della malattia

Poco tempo fa, Franco Di Mare ha annunciato pubblicamente di essere affetto da mesotelioma, una malattia rara e aggressiva.

Ho un cancro,” disse durante un’intervista al Corriere della Sera e in diretta a Che tempo che fa. “Oggi ci si cura e spesso si guarisce. Da questo no. Non se ne va, al massimo lo puoi rallentare, ma resta lì ed è uno dei più cattivi.”

Di Mare collegava la causa della sua malattia all’esposizione all’amianto durante le sue missioni nei Balcani, dove era stato inviato speciale.

Tra proiettili all’uranio impoverito, iper-veloci, iper-distruttivi, capaci di buttare giù un edificio. Ogni esplosione liberava nell’aria infinite particelle di amianto. Ne bastava una. Seimila volte più leggera di un capello. Magari l’ho incontrata proprio a Sarajevo, nel luglio del 1992, la mia prima missione. O all’ultima, nel 2000, chissà“, ha raccontato.

Nonostante la malattia, il noto giornalista ha continuato a lavorare e a condividere le sue esperienze, anche attraverso il suo ultimo libro, “Le parole per dirlo”.

Definito come il suo “testamento“, il libro rappresenta un ultimo tentativo di lasciare un messaggio e un’eredità intellettuale.

Una vita dedicata all’informazione

Franco Di Mare, giornalista di grande esperienza e talento, ha lasciato un segno indelebile nel panorama dell’informazione italiana.

Nato nel 1955, Di Mare ha iniziato la sua carriera nel 1980 come cronista di giudiziaria per L’Unità. Nel 1981, ha iniziato a collaborare come corrispondente da Napoli per l’agenzia di servizi AGA e per Radiocor, e nel 1983 è diventato giornalista professionista.

La sua competenza e dedizione lo portarono a Roma nel 1985, dove lavorò presso la redazione centrale de L’Unità in qualità di inviato speciale e successivamente capo redattore.

Nel 1991, Di Mare entrò in Rai, dove la sua carriera decollò ulteriormente. Iniziò alla redazione esteri del TG2 e nel 1995 divenne inviato speciale, coprendo la guerra dei Balcani e numerosi conflitti in Africa e America centrale.

Nel 2002, passò al TG1, dove seguì le principali guerre degli ultimi vent’anni, tra cui la prima e la seconda guerra del Golfo, il conflitto in Afghanistan, e varie crisi in Medio Oriente e America Latina.

Dal 2003, è diventato un volto noto della televisione italiana, conducendo programmi come Unomattina Estate, Unomattina week end, e Sabato e domenica.

Il suo lavoro è stato riconosciuto con vari premi, si spegne nella giornata di oggi all’età di 68 anni.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 17 Maggio 2024 19:14

Juventus, ufficiale l’esonero di Max Allegri

nl pixel