E’ morto il padre di Roberto Baggio all’età di 89 anni. Lutto per il ‘Divin Codino’.

VICENZA – E’ morto il padre di Roberto Baggio. Il padre del Divin Codino si è spento all’età di 89 anni in una clinica di Torino. Massimo riserbo sulle cause del decesso con l’ex calciatore che ha preferito mantenere il massimo riserbo su quanto successo al genitore.

Con il suo decesso Baggio ha perso un punto di riferimento visto che Florindo ha sempre seguito da vicino la carriera del figlio rimanendo nell’ombra. Nelle prossime ore saranno molti i conoscenti che andranno ad omaggiare il padre di uno dei più grandi del calcio non solo italiano, ma anche mondiale.

La passione per il ciclismo

Il calcio e il ciclismo. Per Florindo Baggio, come scrive La Gazzetta dello Sport, erano queste le due grandi passioni anche se per il figlio Roberto voleva una carriera sulle due ruote. Ma con il passare degli anni tutti hanno capito che quel bambino era nato per calciare il pallone.

Una carriera per il Divin Codino sicuramente ricca di soddisfazioni e di risultati importanti. La scomparsa del padre lascia un vuoto incolmabile nella vita dell’ex giocatore visto che da sempre lo ha seguito in ogni partita disputata.

Baggio Roberto
Baggio Roberto

Morto il padre di Roberto Baggio

La morte del padre di Roberto Baggio è avvenuta nella giornata di sabato 1 agosto 2020 in una clinica di Vicenza. Massimo riserbo sulle cause del decesso con la famiglia che ha preferito non comunicare i motivi della scomparsa.

Nelle prossime ore saranno diverse le persone che andranno a salutare il padre del campione. Una personalità molto conosciuta nella città vicentina per aver calcato anche in campi di Serie B e C. Grave lutto per Baggio che ha perso una figura di riferimento per lui, ma anche per i fratelli che hanno sempre avuto un ottimo rapporto.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
calcio calcio news cronaca Roberto Baggio

ultimo aggiornamento: 01-08-2020


L’Arsenal vince l’FA Cup. Chelsea battuto in rimonta

Ponte di Genova, inaugurazione il 3 agosto. La prima auto a percorrerlo sarà quella di Mattarella. I familiari delle vittime: “Non ci saremo”