Moto da trial: caratteristiche, modelli e prezzi

Moto da trial: caratteristiche, modelli e prezzi

Caratterizzate dal peso ridotto e da una cilindrata massima di 300 cc, le moto da trial sono destinate all’omonima specialità motociclistica.

Le competizioni motociclistiche costituiscono un universo piuttosto variegato: esistono numerose specialità che si differenziano le une dalle altre per il tipo di veicolo utilizzato e la sede che ospita le gare (pista, strada oppure offroad). Tra le specialità ‘fuoristrada’ c’è il trial, un tipo di competizione nato in Inghilterra all’inizio del Novecento che ha assunto i crismi dell’ufficialità negli anni Settanta (il primo campionato mondiale venne organizzato nel 1975). I mezzi utilizzati da chi compete in questa specialità sono le moto da trial: vediamo di seguito quali caratteristiche possiedono e quali sono i modelli in vendita.

Le caratteristiche tecniche delle moto trial

In origine, per le gare di trial venivano utilizzate moto di serie modificate per risultare più leggere; solo dopo la Seconda Guerra Mondiale sono comparsi i primi prototipi realizzati specificamente per questo genere di gare. Ciò nonostante, i primi esemplari pesavano circa 100 kg mentre oggi la maggior parte delle moto da trial hanno un peso compreso tra 66 e 75 kg (per le gare organizzate dalla FIM, la Federazione Motociclistica Italiana, il peso limite è di 70 kg).

Per quanto riguarda la ciclistica, questo tipo di moto si caratterizza per le dimensioni compatte e l’assenza di una vera e propria sella, oltre agli ammortizzatori più corti rispetto a moto destinate all’uso stradale. Si tratta di due prerogative che aiutano la moto a risultare agile e leggera.

Le motorizzazioni (sia a due che a quattro tempi) non sono mai particolarmente potenti; i propulsori – a cilindro singolo – hanno una cilindrata compresa tra i 50 ed i 300 cc e sviluppano una coppia regolare. Nelle gare di trial, infatti, il riscontro più significativo non è la potenza massima (che non supera di molto i 30 CV) quanto la regolarità di erogazione della coppia motrice anche al variare del regime di rotazione del motore. “Il Trial” – si legge sul regolamento ufficiale italiano per il 2019 – “è una specialità motociclistica che si svolge su qualsiasi tipo di terreno all’aperto e/o all’interno di aree, in cui la resistenza, l’abilità e la regolarità dei Piloti costituiscono la base principale per i risultati“.

Le principali marche moto da trial sono: Scorpa, GasGas, Ossa, Sherco, Betamotor, Jotagas e Montesa.

Tutte le caratteristiche sopra descritte sono funzionali allo svolgimento di una gara di trial (per lo più outdoor). Quest’ultima si svolge lungo un percorso accidentato, fatto di dossi e altro ostacoli ‘naturali’ da scavalcare, nel rispetto di regole ben precise. Le moto non hanno la sella non solo per risparmiare peso ma anche perché sono concepite per essere guidate prevalentemente in piedi. Un tipico percorso da trial è diviso in zone; ciascuna zona deve essere percorsa entro e non oltre un determinato numero di giri e l’intera prova va svolta entro un tempo prestabilito.

Moto Trial
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/versione-di-prova-moto-bici-2931479/

Il regolamento prevede, inoltre, che il pilota non lasci mai il manubrio né poggi i piedi per terra. In caso contrario, vengono assegnati dei punti di penalità: un punto per un piede, due per due piedi e così via. La penalità maggiore (5 punti) viene assegnata nei seguenti casi: incrocio di traiettoria, mancato completamento di una zona, spegnimento del motore con un piede a terra, manubrio che tocca il terreno con piede a terra e arretramento della moto lungo il percorso. Altre penalità vengono comminate sulla base di eventuali ritardi rispetto al tempo di percorrenza previsto. Al termine della gara vince il pilota che ha totalizzato meno penalità.

I modelli di moto trial in vendita in Italia

Per il mercato italiano sono disponibili numerosi modelli di moto da trial; di seguito l’elenco completo ricavato dal listino di dueruote.it:

  • Beta Evo 250 2T
  • Beta Evo 250 2T Factory
  • Beta Evo 300 4T
  • Beta Evo 300 2T Factory
  • Beta Evo 300 2T SS
  • Beta Evo 300 4T Factory
  • Beta Evo 125 2T
  • Beta Evo 125 2T Factory
  • Beta Evo 80 Junior
  • Beta Evo 80 Senior
  • Gas Gas TXT 280 Pro Racing
  • Gas Gas TXT 280 Contact AE
  • Gas Gas TXT 300 Pro Racing
  • Gas Gas TXT 300 GP R
  • Gas Gas TXT 300 GP F
  • Gas Gas TXT 250 Pro Racing
  • Gas Gas TXT 125 Pro Racing
  • Montesa Cota 300 4RT RR
  • Montesa Cota 260 4RT
  • Montesa Cota 260 4RT Race Replica
  • Montesa 4Ride
  • Scorpa Twenty 300
  • Scorpa Twenty 300 Factory
  • Scorpa Twenty 125
  • Scorpa Twenty 250
  • Scorpa Twenty 250 Factory
  • Scorpa TY 125
  • TRS One 250
  • TRS One 250 RR
  • TRS One 280
  • TRS One 280 RR
  • TRS One 125
  • TRS One 125 RR
  • TRS One 300
  • TRS One 300 RR
  • Vertigo Combat 300 Vertical
  • Vertigo Combat 300 Titanium R
  • Vertigo Combat 300 Lampkin Replica.

I modelli migliori, per contesti agonistici, sono quelli che – ovviamente – riescono a coniugare la cilindrata più elevata (tra 250 e 300 cc) con l’agilità e il peso contenuto.

Alla lista è possibile aggiungere anche alcuni modelli elettrici, come ad esempio il Trial EM Sport – prodotto dalla Electric Motion (un’azienda francese) e derivata da un modello Scorpa – oppure la Yamaha TY-E del 2018. Altre motociclette da trial a propulsione elettrica sono le Gas Gas TXTE EDD e TXTE EGD assieme alla TRRS RR (la versione 2020 presentata all’EICMA 2019).

Moto da trial prezzi di listino e dell’usato

Le moto da trial nuove rappresentano un prodotto di fascia medio alta. I modelli più economici sono a listino a prezzi inferiori a 4.000 euro (come ad esempio la Beta Evo 80 Junior, acquistabile a 3.590 euro); quelli più cari, invece, sfiorano i 10.000 euro. La moto da trial più cara in vendita in Italia è la Vertigo Combat 300 Titanium R (a listino a 11.690 euro) mentre i modelli della gamma Montesa si attestano su prezzi che oscillano dai 9.500 ai 9.900 euro.

Per quanto riguarda le moto trial usate, i prezzi variano molto a seconda delle specifiche di ogni esemplare (anno di prima immatricolazione, chilometraggio, marca, modello). Ad ogni modo, sui portali online specializzati è possibile reperire modelli che costano anche meno di 1.000 euro fino a moto in vendita a 4.500 euro.

Le moto da trial su strada

Le motociclette trial sono concepite per contesti agonistici (professionali o amatoriali). Esse però potrebbe anche circolare su strada: è necessario equipaggiarle nella maniera opportuna, con la targa e le luci anteriori e posteriori. In aggiunta, è necessario che il mezzo sia immatricolato e assicurato.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/versione-di-prova-moto-bici-2931479/

ultimo aggiornamento: 02-12-2019

X