Motorola razr, lo smartphone pieghevole fra innovazione e nostalgia

Motorola razr: lo smartphone pieghevole fatto nel modo giusto?

Il nuovo Motorola Razr, presentato in questi giorni, è un telefono “a conchiglia” che unisce l’effetto nostalgia alla tecnologia del 2020.

Gli schermi flessibili sono uno dei temi di moda fra gli appassionati di tecnologia, in particolare di smartphone e dispositivi mobili. Abbiamo già visto come diverse aziende si siano già lanciate in esperimenti più o meno vincenti in questo campo, ma Motorola razr sembra essere pronto a diventare il prodotto di punta di questa particolare nicchia. Vediamo perché.

Motorola razr: il “flip” che cambia tutto

Sicuramente il primo punto di forza di questo nuovo smartphone è commerciale. Il predecessore del Motorola razr (in minuscolo) infatti è il celebre Motorola RAZR (in maiuscolo), uno dei dieci cellulari più venduti della storia.

motorola razr chiuso
fonte foto: Motorola

La seconda scelta vincente riguarda il design, che riprende quello a conchiglia tipico dei telefoni Motorola e imitato da altri. Oltre all’indubbio effetto nostalgia che questo può creare fra gli amanti del modernariato, c’è anche un aspetto pratico altrettanto importante. Cioè che questo smartphone, da chiuso, sembra avere dimensioni decisamente contenute.

I concorrenti finora hanno sempre cercato di sfruttare la tecnologia degli schermi pieghevoli per proporre smartphone che da grandi diventano enormi, quasi come tablet. Motorola ha fatto la scelta opposta: dalle immagini disponibili sul sito ufficiale possiamo vedere come il telefono da chiuso ha dimensioni molto contenute, mentre da aperto sembra un normale smartphone di grandi dimensioni. Una scelta che convincerà senza dubbio chi vuole ridurre l’ingombro della propria dotazione quotidiana e in generale chi apprezza l’idea che uno smartphone non debba per forza essere grande quanto un’agenda. E probabilmente il modo più saggio visto finora per sfruttare gli schermi pieghevoli.

Ecco il video ufficiale di Motorola che presenta il prodotto:

Le principali informazioni su Motorola razr

La prima notizia, non troppo buona, è che al momento non ci sono informazioni sulla data di lancio italiana. Negli Stati Uniti sarà disponibile attraverso il provider Verizon a partire dal 9 gennaio 2020.

Le specifiche tecniche “dure e pure” sono riportate sul sito: si parla di 128 GB di archiviazione, senza espansione possibile, di 6 GB di RAM e di un processore Qualcomm Snapdragon 710 a 8 core.

lo schermo principale una volta aperto ha una dimensione dichiarata di 6,2 pollici, mentre lo schermo esterno, attivo quando il telefono è chiuso e utile per le notifiche, ha una dimensione di 2,7 pollici. Per il resto, la dotazione è analoga a quella di uno smartphone di fascia alta. Il prezzo annunciato per il mercato americano è di 1.499 dollari, mentre non ci sono ancora indiscrezioni per il mercato europeo.

Al momento non sono disponibili più informazioni, il sito ufficiale italiano ci permette di lasciare il nostro indirizzo di posta elettronica per ricevere le ultime notizie.

Android senza fronzoli

Un altro aspetto curioso, che si sposa perfettamente con le scelte di efficienza e funzionalità di Motorola per razr, è quella di fornire una versione di Android pura, cioè priva di personalizzazioni e funzionalità proprietarie. Una buona scelta sia dal punto di vista delle prestazioni, sia da quello delle funzionalità.

Sempre in termini di semplificazione, il display esterno dovrebbe consentire le interazioni di base grazie alla combinazione di Moto display, che mette a disposizione informazioni e notifiche anche a telefono chiuso, e Moto actions, un sistema che permette di gestire le interazioni basilari senza bisogno di aprire il telefono.

Fonte foto copertina e foto articoli: Motorola

ultimo aggiornamento: 17-11-2019

X