Forse non tutti lo sanno, ma guidare un’auto non propria in alcuni casi può far prendere una multa: ecco quando si rischia la sanzione.

Ci sono tanti comportamenti errati che possono portare gli automobilisti a ricevere una multa, tra questi c’è anche guidare un’auto non propria ma intestata a un’altra persona. Attenzione, nessun allarmismo: questo non significa che se si viene trovati dalle forze dell’ordine alla guida dell’auto di un genitore, del marito, della maglia, di un amico, si riceverà in automatica una sanzione amministrativa, le multe sono infatti previsti solamente in alcuni specifici casi. Vediamo nel dettaglio quali sono.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Multe se si guida l’auto intestata a un’altra persona: i casi

Non c’è nessuna legge che vieta di prestare la propria auto a un’altra persona e se colui o colei alla quale si permette di guidarla è un famigliare (per esempio un figlio, un nipote, la moglie o il marito) non c’è alcun problema e non si rischia nessuna sanzione amministrativa da parte delle forze dell’ordine.

Multa
Multa

E’ anche possibile prestare la propria automobile a un amico senza che questo rischi di prendere la multa, ma se il prestito dura però più di 30 giorni (la limitazione temporale non vale nel caso dei famigliari) è necessario recarsi alla Motorizzazione e far segnalare sul libretto di circolazione dell’auto il nome del conducente a cui si presta l’auto. In caso contrario si rischia una multa.

Auto intestata a un’altra persona: a quanto ammonta la multa

Ma a quanto ammonta la multa se si viene fermati dalla polizia che scopre che l’auto che stare guidando da diverso tempo non è la vostra? L’ammenda può variare da un minimo di 516,46 euro a un massimo di 2.582,28 euro, più il ritiro del libretto di circolazione della vettura.

Multe per auto intestate ad altri: i casi in Italia

Le notizie di cronaca degli ultimi mesi raccontano che in Italia il numero di multe per questo tipo di infrazione sono in aumento. A Firenze un uomo è stato fermato e si è scoperto che l’auto che guidava appartenenza a un’altra persona, una sorta di prestanome, che aveva intestate in totale 220 vetture, tutte però di fatto da altri conducenti.

In questo caso la multa non è arrivata solamente per l’uomo trovato a bordo della Renault Megane non sua ma anche per il proprietario delle 220 auto che ha dovuto sborsare un totale di 16.000 euro, ovvero 530 euro di multa per ogni auto a lui intestata.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 10-08-2022


Ferrari Testarossa: arriva il modellino elettrico con un costo da capogiro

Rc auto: ecco le regioni più care per l’assicurazione