La società di Elon Musk, Neuralink, sarebbe pronta a sperimentare l’installazione del chip nel cervello dell’uomo. Come funziona e a cosa serve.

Negli ultimi giorni ha fatto il giro della rete la notizia del progetto di Neuralink, società di Elon Musk che sarebbe pronta a sperimentare il primo chip nel cervello dell’uomo.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Neuralink di Elon Musk sarebbe pronta a sperimentare l’installazione del chip nel cervello dell’uomo

Terminata con successo la fase di sperimentazione sugli animali, Neuralink, società riconducibile ad Elon Musk che si occupa di impianti cerebrali, sarebbe pronta a sperimentare il chip nel cervello dell’uomo. Si tratta di una indiscrezione che ha sollevato non poche polemiche soprattutto sulla rete. Molti ritengono, erroneamente, che si tratti di uno strumento per controllare l’uomo.

Elon Musk
Elon Musk

L’annuncio di lavoro (che secondo gli esperti rappresenterebbe un indizio rilevante)

L’indiscrezione è emersa dopo che la società ha pubblicato un annuncio di lavoro. La figura ricercata è un direttore di studi clinici. Secondo alcuni esperti questo sarebbe un passo significativo. La società starebbe pianificando di applicare il chip nel cervello dell’uomo attraverso un intervento chirurgico.

Il funzionamento del chip: a cosa serve e come potrebbe essere utilizzato

Il chip potrebbe avere effetti significativi nel campo della ricerca scientifica. Attraverso questo strumento potrebbe essere possibile, ad esempio, dare ad un paziente paralizzato la possibilità di controllare la propria attività cerebrale. Non si tratta quindi di uno strumento per controllare l’uomo, come ipotizzato dai più scettici, ma di uno strumento che potrebbe avere effetti significativi nel mondo della medicina spalancando, non senza clamore, le porte del futuro.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 27-01-2022


Perché aumentano le bollette di luce e gas?

Quali sono i brand di maggior valore al mondo