Bossi accusato di vilipendio per aver dato del ‘terrone’ a Giorgio Napolitano. Condannato a un anno e quindici giorni di reclusione. Sospeso l’ordine di carcerazione.

È stato condannato a un anno e quindici giorni di reclusione l’ex leader della Lega Umberto Bossi, accusato di aver dato del terrone all’allora presidente Giorgio Napolitano. L’espressione rappresenta un modo dispregiativo per indicare le persone del meridione.

Umberto Bossi condannato a un anno e quindici giorni di reclusione, bloccato l’ordine di carcerazione. L’ex leader della Lega dovrà decidere come scontare la pena

La Procura di Brescia ha firmato un ordine di carcerazione per Umberto Bossi, condannato a scontare la pena di un anno e quindici giorni di reclusione. L’ordine di reclusione è stato sospeso e Bossi avrà un mese di tempo per decidere come scontare la pena.

Bossi condannato per vilipendio: diede del ‘terrone’ all’allora presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. I fatti

Umberto Bossi è stato quindi riconosciuto colpevole e accusato di vilipendio. In occasione di un comizio, l’ex leader e vate della Lega diede del terrone a Napolitano, un’offesa rivolta direttamente all’allora presidente della Repubblica italiana.

Ovviamente all’epoca dei fatti il video con l’intervento di Bossi contro Napolitano è stato ripreso dai principali organi di stampa. Il video in questione mostra Bossi che durante un comizio rivolge un saluto al presidente della Repubblica prima facendo le corna e poi scherzando sulle origini meridionali. Alla fine il commento “”terrone” che gli è costato la condanna per vilipendio.

Di seguito il video dell’intervento di Umberto Bossi:

Fonte foto copertina: https://www.facebook.com/fanpage.it/?tn-str=k*F

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca Giorgio Napolitano News politica Umberto Bossi

ultimo aggiornamento: 27-09-2018


Genova, sfollati pronti a manifestare sotto casa di Grillo

Migranti, Salvini a Macron: “Non accettiamo lezioni”