E’ operativo Patrimonio Rilancio che sarà gestito dal Ministero dell’Economia e Finanza e da Cassa depositi e prestiti. Aiuterà le imprese con fatturato superiore a 50 milioni.

ROMA – Patrimonio Rilancio è operativo. E’ nato lo strumento del Ministero dell’Economia e delle Finanze, gestito da Cassa Depositi e Prestiti, per sostenere le imprese italiane con fatturato superiore a 50 milioni di euro. Lo hanno annunciato entrambi. La misura, straordinaria e a carattere temporaneo, è gestita dall’istituzione finanziaria controllata da via XX Settembre nell’ambito di un patrimonio del tutto autonomo e separato da quello proprio.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

https://www.youtube.com/watch?v=j0lrSEUMfuY&t=9s&ab_channel=FinlombardaTube

Il comunicato

Con Patrimonio Rilancio – spiega Cdp supportiamo la patrimonializzazione delle imprese medio-grandi italiane colpite dall’emergenza Covid-19. Lo strumento, alimentato da risorse del Ministero dell’Economia e delle Finanze e gestito da Cassa Depositi e Prestiti, prevede una gamma di soluzioni per soddisfare le esigenze di rafforzamento patrimoniale, con processi di richiesta e valutazione integralmente digitali, rapidi e semplificati. L’iniziativa è riservata alle società per azioni italiane, quotate e non, con fatturato superiore a 50 milioni di euro.
Patrimonio Rilancio prevede i seguenti ambiti di operatività: Fondo Nazionale Supporto Temporaneo: interventi temporanei in aziende che hanno subìto impatti derivanti dall’emergenza Covid-19, coerenti con le misure previste dalla Commissione Europea nel “Quadro Temporaneo per le misure di aiuti di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del Covid-19”. C’è inoltre il Fondo Nazionale Strategico: investimenti di lungo periodo, con il coinvolgimento di altri investitori di mercato, in imprese caratterizzate da solide prospettive di crescita, per supportarne i piani di sviluppo. C’è inoltre il Fondo Nazionale Ristrutturazioni Imprese per interventi in aziende caratterizzate da temporanei squilibri patrimoniali e finanziari, ma con adeguate prospettive di redditività futura“.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non


Borse 2 luglio, i mercati chiudono la settimana miste. Lagarde: “Ripresa in corso ma resta fragile”

Tasse, Cgia: “Quasi 9 euro su 10 vanno allo Stato”