Una nave oceanica italiana in rotta verso l’Antartide ha salvato 92 migranti nel Mar Ionio provenienti dall’Afghanistan.

La Laura Bassi, la nave oceanica italiana che viene utilizzata in Antartide per l’attività scientifica e il supporto logistico alle esplorazioni ieri ha salvato 92 migranti. La notizia l’ha diffusa il quotidiano di Trieste di minoranza slovena. La nave era partita da Trieste una settimana ed era il ritta nel Mar Ionio verso la Nuova Zelanda da cui poi sarebbe arrivata in Antartide proprio per una missione di ricerca.

La maggior parte dei 92 migranti proviene dall’Afghanistan di cui 49 uomini 20 donne e 23 bambini. La nave comandata dal capitano Franco Sedmak nel mar Ionio ha soccorso e salvato queste persone su una barca a vela di 15 metri. La barca era in difficoltà evidente a causa del mare agitato e per questo rischiava di andare a picco. Senza l’intervento della nave italiana sarebbero morti tutte e 92 persone a bordo.

Migranti
archivio Image / Cronaca / migranti / foto Imago/Image

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Senza l’intervento la barca sarebbe andata a picco

Le operazioni di salvataggio non sono state semplici proprio per il mare grosso e burrascoso e sono durate circa quattro ore. I migranti sono stati prelevati e portati a bordo della nave rompighiaccio: prima le donne e i bambini, poi gli uomini. Il quotidiano rileva che le condizioni dei migranti sono buone e sono stati accolti con cibo e coperte. Dopo essere stati rifocillati e ristorate le persone sono state fatte sbarcare nel porto di Kalamata, in Grecia.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 21-11-2022


Iran, arrestate due famose attrici per aver sostenuto le proteste

Gallarate, 70enne investe bimbo di due anni nel passeggino