I tifosi della Nigeria hanno distrutto lo stadio dopo aver perso la partita contro il Ghana che li porta fuori dai Mondiali di Qatar 2022.

Si conclude in maniera quasi surreale la partita tra Nigeria e Ghana con i tifosi della prima squadra che hanno dato di matto a seguito della disfatta. La partita, valevole per la qualificazione dei Mondiali di Qatar 2022, è terminata con il pareggio di 1-1. I tifosi in casa non hanno trattenuto la loro rabbia, trasformatosi in vera e propria violenza, e hanno iniziato a lanciare oggetti dalle tribune accompagnati da veri e propri fischi contro gli avversari. La situazione è ulteriormente precipitata quando si sono riversati in massa nel campo. Diversi i danni riportati al National Stadium Abuja, tra cui sediolini rotti, prato rovinato e bandierine spezzate.

A riportare l’ordine è stata la Polizia che ha prontamente fermato gli esagitati prima che potessero raggiungere gli avversari o danneggiare ulteriormente lo stadio. Le forze dell’ordine hanno fermato i tifosi che stavano creando scompiglio e hanno dovuto utilizzare perfino gas lacrimogeni. Caos, confusione e grande paura per i presenti. Per fortuna grazie all’intervento della Polizia si è evitato il peggio e i tifosi avversari del Ghana hanno potuto lasciare lo stadio senza riportare danni.

Calciatore pallone

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

 

Perché il Ghana ha vinto nonostante il pareggio

La curiosità intorno alla partita che ha visto scontrarsi Nigeria e Ghana è molta per l’esito che ha avuto. Nonostante il pareggio, infatti, la Nigeria resta fuori dai Mondiali di Qatar 2022. La spiegazione va ricercata nel regolamento che prevede la premiazione della squadra in trasferta che segna il gol. A segnare i gol delle due squadre sono stati William Throost-Ekong, ex calciatore dell’Udinese, per la Nigeria e Thomas Partey per il Ghana. Dopo la delusione dell’Italia anche la Nigeria dunque va in ritirata e, nonostante la reazione esagerata che ha fatto tremare tutti i presenti, per loro il sogno dei Mondiali finisce qui.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 30-03-2022


Profughi ucraini: arriva il sostegno di trecento euro

Italia garante di pace in Ucraina