La Nissan si rivolge al Tribunale di Yokohama e chiede a Ghosn un risarcimento danni da 10 miliardi di yen (83 milioni di euro circa).

Nuovo capitolo dello scontro tra Nissan e Ghosn, con la casa automobilistica che ha chiesto al manager 10 miliardi di yen per i danni che avrebbe causato alla società attraverso condotte scorrette che sarebbero state adottate dall’ex presidente durante il suo mandato.

Nissan
Fonte foto: https://www.facebook.com/NissanItalia

Super Green Pass, tutte le regole per viaggiare a Natale

Nissan chiede a Ghosn dieci miliardi di yen di danni

La Nissan ha chiesto a Ghosn dieci miliardi di yen “allo scopo di recuperare una significativa parte dei danni monetari inflitti alla compagnia dal suo ex presidente come risultato di anni di comportamenti scorretti e di attività fraudolenta“. La notizia arriva direttamente dai canali istituzionali della casa automobilistica che ha reso noto di essersi rivolta al Tribunale di Yokohama. La cifra corrisponde a circa 83 milioni di euro.

Carlos Ghosn
Fonte foto: https://www.facebook.com/nissanindia

Le accuse

La Nissan fa riferimento nella nota pubblicata ai presunti pagamenti fraudolenti che l’ex numero uno avrebbe effettuato a discapito proprio della società. Nel lungo elenco compaiono ad esempio “l’uso di proprietà immobiliari all’estero senza pagamento di un affitto, l’uso privato di jet aziendali“. E ancora” i pagamenti a sua sorella, i pagamenti al suo avvocato personale in Libano“. Nel conto della cifra chiesta al manager rientrano anche le spese che la Nissan ha dovuto sostenere per procedere con le indagini interne sulla condotta di Ghosn.

L’ex numero uno della casa automobilistica al momento non ha commentato la notizia e resta da capire come possa evolversi la vicenda.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 12-02-2020


Si alza il sipario sulla nuova Ferrari SF1000

Formula 1, il GP della Cina sarà cancellato per il Coronavirus