Il Governo punta a incentivare i pagamenti elettronici. Premio da 3000 euro per chi usa la carta di credito.

ROMA – Il Governo punta ad incentivare i pagamenti elettronici. E per farlo, secondo quanto riportato da La Repubblica, potrebbe decidere in inserire nella misura un rimborso del 10% su quanto si spende con la carta di credito. Un voucher che sarà un massimo di 300 euro e andrà a tutte le persone che spenderanno 3.000 euro.

Ma non è finita qui. L’altra grande novità è rappresentata dal bonus befana che si chiamerà super cashback e sarà di 3000 euro l’anno. Anche in questo caso sarà rimborsato ogni sei mesi e riguarderà i 100mila cittadini che useranno di più la carta.

La lotteria degli scontrini

Nella misura sarà inserita anche la lotteria degli scontrini che metterà in palio 50 milioni di euro solo per chi usa la moneta elettronica. I premi singoli saranno anche 5 milioni di euro.

Una strategia da parte del Governo per incentivare i pagamenti elettronici e portare gli italiani ad abbandonare il contante. Il cashback entrerà ufficialmente in vigore il prossimo 1° dicembre con l’esecutivo Conte che sta definendo gli ultimi dettagli della misura. Si tratta una novità importante che potrebbe portare i cittadini a utilizzare di più la carta di credito.

Carta di credito

Il progetto Italia Cashless

Per recuperare il gap con gli altri Paesi sul pagamento elettronico, il governo Conte nell’ottobre 2019 ha dato il via libera al progetto Italia Cashless. Un piano fondamentale anche per cercare di mettere fine all’evasione fiscale.

Una misura che ha come obiettivo cambiare le abitudini degli italiani sui pagamenti e spingere i cittadini ad effettuare acquisti con la carta di credito e non con il contante. E per farlo la maggioranza ha deciso di inserire alcuni bonus che entreranno in vigore a tutti gli effetti dal prossimo 1° dicembre 2020.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
carta di credito cashback economia pagamenti elettronici

ultimo aggiornamento: 25-09-2020


Pil italiano nel 2020 a -8,9 per cento. Le stime di Standard and Poor’s

Antitrust, aperta istruttoria contro 4 compagnie per i voli cancellati