Pallanuoto, Pro Recco ha vinto la Coppa Italia. Brescia sconfitto in finale di una sola rete.

ROMA – La Pro Recco ha vinto la Coppa Italia maschile di pallanuoto. Dopo una stagione condizionata dalla pandemia, la squadra ligure ha deciso di riprendere da dove aveva lasciato ed è andato a conquistare l’ottavo titolo consecutivo in questa competizione (la quindicesima della storia su ventinove giocate).

Una prestazione molto importante per i liguri che, nonostante un calo nel finale, sono riusciti a conquistare il titolo battendo nella volata finale il Brescia. Grande rammarico per i lombardi che sono andati molto vicini ad interrompere il dominio dei liguri nel 2012.

Pallanuoto, alla Pro Recco la Coppa Italia maschile

La pandemia non ha interrotto il dominio della Pro Recco. I liguri sono ritornati alla vittoria in Coppa Italia in una sfida molto combattuta nel finale contro il Brescia. I lombardi, infatti, non hanno mollato anche sotto di sette reti e con un parziale di 5-0 sono riusciti a rientrare in partita.

Nel finale, però, nessuno strappo particolare, con la Pro Recco molto lucida a conquistare l’ottavo titolo consecutivo in una sfida molto interessante. Il duello sembra essere destinato a ripetersi anche in campionato per lo Scudetto. E i lombardi proveranno a fare lo sgambetto e prendersi la rivincita.

Pro Recco
fonte foto https://www.facebook.com/proreccowaterpolo1913

Terzo posto per Palermo

Il terzo posto in questa competizione è andato al Palermo. I siciliani nella finalina sono riusciti a conquistare il gradino più basso del podio andando a battere ai tiri di rigore il CC Ortigia in una sfida molto combattuta e decisa dai singoli dettagli.

Una sfida sicuramente che ha portato i siciliani ad essere una delle possibili outsider nella parte finale della stagione. E, conclusa questa stagione, per molti di loro inizierà l’esperienza in Nazionale con l’obiettivo di conquistare il titolo con le rispettive squadre.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/proreccowaterpolo1913


Incidente a Roma, morto uno dei medici che salvò la vita a Manuel Bortuzzo

Chi è Laurel Hubbar, la prima atleta transgender a qualificarsi alle Olimpiadi