Panchina Milan, spunta il nome di Hiddink

Montella appeso a un filo lungo 180′, il Milan studia le alternative.

chiudi

Caricamento Player...

Il futuro di Vincenzo Montella in 180′ – salvo clamorosi colpi di scena.  Il tecnico rossonero sente inesorabile il ticchettio delle lancette alle sue spalle e sa che contro il Grifone e il Chievo dovranno essere sei punti per rilanciare la classifica rossonera e riavvicinarsi al quarto posto, obiettivo minimo stagionale.

Milan, tutte le ipotesi per un possibile dopo-Montella

Tra i profili che si delineano alle spalle di Montella spuntano Antonio Conte, ipotesi concretizzabile eventualmente non prima della prossima estate, e Carlo Ancelotti, anche se sembra più una speranza nostalgica che una pista concreta. Possibile l’arrivo di un traghettore, in questo caso il primo nome sulla lista sarebbe quello di Gattuso, un azzardo troppo grande forse visti gli obiettivi stagionali, o profili in cerca di riscatto cui offrire sei mesi di contratto e il rinnovo vincolato al raggiungimento degli obiettivi. In questa lista spiccano i nomi di Sosa, erede naturale di Montella per quanto riguarda la filosofia di gioco, Walter Mazzarri, poco gradito alla tifoseria, a Hiddink,  bravo a gestire le situazioni di emergenza ma senza esperienza in Italia.