Pandoro: la ricetta originale, la storia e le origini del dolce di Natale
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Nasce oggi… il Pandoro!

Pandoro

Il 14 ottobre del 894 nasce ufficialmente il Pandoro, il dolce natalizio ‘firmato’ Domenico Melegatti. La storia, le origini e la ricetta originale del dolce.

Il 14 ottobre 1894 Domenico Melegatti depositava la ricetta di un dolce dalla strana forma di una stella a otto punte, una sorta di focaccia dolce che avrebbe cambiato il Natale di tutto il mondo. Era la ricetta del Pandoro.

Come fare soldi? 30 idee semplici per guadagnare

Pandoro: la storia e le origini

Sembra che il Pandoro affondi le sue origini addirittura nell’antica Roma. Il noto dolce natalizio  è infatti menzionato in uno scritto risalente al primo secolo dopo Cristo. Plinio il Vecchio cita un cuoco, Vergilius Stephanus Senex, il quale rivoluzionò la cucina dell’epoca con questo strano panis fatto con fiori di farina, burro e olio.

Ovviamente quello assaporato dagli antichi romani era un prodotto decisamente differente da quello che conosciamo noi. Il Pandoro moderno nasce infatti dal nadalin veronese.

Il 14 ottobre 1894 Domenico Melegatti scrisse il suo nome nella storia depositando il brevetto di un dolce a forma di stella a otto punte. Nasce così il Pandoro, uno dei simboli indiscussi del Natale.

Sembra che il nome derivi dal pane de oro, una ricetta tipica della Venezia del tredicesimo secolo.

Pandoro
Fonte foto: https://www.facebook.com/blogricettegustose/?tn-str=k*F

La ricetta originale del Pandoro

La ricetta originale del Pandoro è allo stesso tempo semplice ma complicata. Se gli ingredienti sono pochi e semplici da rintracciare, la lavorazione è meticolosa e complicata.

La prima fase è quella della lavorazione dell’impasto formato da zucchero, lievito, uovo e farina che, dopo la lavorazione, va lasciato lievitare per due ore. Segue una seconda fase, in cui si aggiungono burro, farina, uova e zucchero. Al termine della seconda lavorazione l’impasto va lasciato lievitare per altre due ore. Segue una terza fase di lavorazione dell’impasto che va poi steso e piegato prima di lasciar riposare il tutto per trenta minuti.

Al termine della lievitazione nello stampo, l’impasto va in forno per quaranta minuti circa a 190 gradi per i primi venti minuti e poi a 160 per i secondi venti. Nasce così uno dei dolci più apprezzati dagli italiani, l’indiscusso antagonista del panettone.

Ancora dubbi? Ecco un video che vi aiuterà nella preparazione del Pandoro:

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 14 Ottobre 2018 10:28

Gaffe a L’Eredità, Flavio Insinna costretto a chiedere scusa pubblicamente

nl pixel