Il Papu Gomez parla del suo addio all’Atalanta e punta il dito contro Gasperini:” Cercò di aggredirmi. Un’aggressione fisica è intollerabile”.

A distanza di mesi dalla controversa cessione al Siviglia, il Papu Gomez ha parlato del suo addio all’Atalanta puntando il dito contro Gasperini accusandolo di averlo aggredito fisicamente dopo un diverbio durante la partita di Champions League contro il Midtjylland.

Il Papu Gomez sull’addio all’Atalanta: “Gasperini cercò di aggredirmi, io pretesi le sue scuse”

Ho dovuto lasciare il club perché aspettavo delle scuse dall’allenatore che non sono mai arrivate – racconta il Papu Gomez a La Nacion – Su una cosa avevo sbagliato, perché in Champions League contro il Midtjylland non avevo rispettato un’indicazione tattica. Gasperini mi chiese di giocare a destra, mentre io giocavo molto bene a sinistra e dissi di no. Era normale che all’intervallo mi tirasse fuori ma, successivamente, negli spogliatoio sbagliò, oltrepassando il limite e cercando di aggredirmi. Ci si può scontrare ok, ma quando c’è un’aggressione fisica è intollerabile. Così ho chiesto un incontro con Percassi, gli ho detto che non avevo problemi a continuare accettando di aver sbagliato. Da capitano non mi ero comportato bene, ero stato di cattivo esempio per la squadra. Ma dissi al presidente di pretendere anche le scuse dell’allenatore e che lui non avrebbe dovuto accettare che l’allenatore stesso avesse provato ad aggredire un giocatore. Il giorno dopo ci fu un incontro con la squadra, io chiesi scusa ma Gasperini non fece lo stesso. Allora come dovevo intendere quel gesto? Che io avevo sbagliato mentre lui no? Da lì iniziò tutto. Dopo qualche giorno andai da Percassi dicendogli che non volevo continuare a lavorare con Gasperini, lui mi rispose dicendomi che non mi avrebbe lasciato andare. Da lì è iniziato il tiro alla fune e a pagare sono stato io, allenandomi prima con le riserve e poi lasciando l’Atalanta“.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Gian Piero Gasperini Atalanta
Gian Piero Gasperini

L’attacco al Presidente: “Non ha avuto le p…”

È stato brutto perché sono stato scaricato dopo 7 anni dopo tutto quello che ho dato al club. Si sono comportati male, il presidente non ha avuto le p…. per chiedere all’allenatore di scusarsi con me. Questo avrebbe chiuso tutto, ma invece entrambi hanno continuato e sono stati cattivi con me. Anche perché da quel momento mi hanno chiuso le porte del calcio italiano, non volevano darmi a nessun club di Serie A. Arrivavano offerte dall’Arabia Saudita e dagli Stati Uniti e mi volevano vendere lì per non rinforzare una squadra rivale. Non potevo accettarlo, ero stato il miglior centrocampista della Serie A. Poi fortunatamente è arrivato il Siviglia. La vera delusione quindi è stata la proprietà dopo tanti anni passati insieme e con il rapporto di fiducia che avevamo instaurato. Abbiamo condiviso tante belle cose insieme anche al di fuori dal campo, che poi abbiamo buttato via e questo mi ha ferito. Credo sia andata così per motivi economici. Sanno che Gasperini è uno dei migliori allenatori d’Europa, sanno che il suo lavoro aggiunge valore alla rosa e fa vendere giocatori. Quindi hanno preferito andare avanti con lui perché porta tanti soldi al club“.

Papu Gomez
Papu Gomez

La replica di Gasperini: “L’aggressione fisica è stata sua, non mia”

Non si è fatta attendere la replica di Gasperini, affidata ai microfoni de la Gazzetta dello Sport: “I comportamenti e gli atteggiamenti di Gomez, in campo e fuori, erano diventati inaccettabili per me e per i compagni. L’aggressione fisica è stata sua, non mia, ma il vero motivo per cui è andato via da Bergamo è per aver gravemente mancato di rispetto ai proprietari del club. Mi auguro che Gomez possa continuare a far parlare di sé con le prestazioni, come faceva all’Atalanta“.

calcio news

ultimo aggiornamento: 18-08-2021


Gianni Rivera, il numero 10 del Milan e della Nazionale

Manuel Locatelli è un nuovo giocatore della Juventus