Tutti i leader dei partiti chiedono un intervento immediato sulle bollette da parte del governo.

Non si ferma l’appello dei partiti politici al governo Draghi per intervenire sulle bollette di energia. Presi dalla campagna elettorale e cavalcando l’onda del peggioramento della situazione tutti i leader chiedono l’intervento di Mario Draghi. Ma il governo è già a lavoro perché questa crisi non può aspettare la formazione di un nuovo governo che non avverrà prima di due mesi. Tutti sono d’accordo quindi che di questa emergenza se ne occupi il governo Draghi anche se ogni partito ha una ricetta diversa da mettere in campo.

Le posizioni sono diverse anche all’interno della stessa coalizione come mostrano Salvini e Meloni. Il leader della Lega invoca un maxi-scostamento di bilancio mentre la presidente di Fratelli d’Italia si trova più in linea con il premier Draghi. Per Giorgia Meloni le bollette sono una priorità assoluta ma pone il suo fermo no su un nuovo debito. Forza Italia invece si pone nel mezzo e dice sì allo scostamento solo se la situazione precipita.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le varie posizioni: Salvini contro Meloni per lo scostamento

La proposta di Matteo Salvini è quella di copiare la Francia di Macron. “Litighiamo su tutto, ma sulle bollette di luce e gas apriamo subito il Parlamento e mettiamo un tetto agli aumenti” e “basta copiare la Francia di Macron”, perché “questa è un’altra guerra e i lavoratori rischiano di morire con le aziende chiuse”. Mentre accusa Letta di tacere su questo argomento così importante.

Pronta, come recita anche il suo slogan, Giorgia Meloni a collaborare con il governo per trovare una soluzione immediata. “Ci troviamo in Parlamento lunedì e proviamo ad approvare delle norme che consentano ai cittadini di avere una situazione sostenibile”. Contro il caro bollette fare “nuovo debito è l’ultima ratio, perché l’Italia è già indebitata fuori controllo. E visto che questi debiti li pagheranno i nostri figli penso che dobbiamo farci attenzione. Ma quella delle bollette è una priorità assoluta”.

Il segretario del Pd ha detto che “È improcrastinabile un intervento sia italiano che europeo per bloccare le bollette e fermare la speculazione in corso sull’energia prodotta da rinnovabili.” E dichiara che il Pd è pronto a sostenere l’intervento del governo ma non esplicita la sua posizione.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 31-08-2022


Sondaggi in Italia: Fratelli d’Italia primo partito

Giorgia Meloni: “Sarò premier senza rinunciare a essere mamma”