Ingegneri a lavoro a Shenzhen dopo le oscillazioni del SEG Plaza, un grattacielo di oltre 350 metri di altezza. L’edificio è stato evacuato.

SHENZHEN – Momenti di paura mista a terrore quelli consumatisi nel pomeriggio di martedì in Cina. A un certo punto, inspiegabilmente, un grattacielo situato nel quartiere Futian della metropoli del Guangdong ha iniziato a oscillare.

Paura a Shenzhen, grattacielo oscilla

Le immagini postate sui social mostrano chiaramente come il SEG Plaza a Shenzhen abbia iniziato a oscillare. La struttura è alta 356 metri di altezza, 72/a al mondo. Completato nel 2000, la torre si trova nel quartiere Futian e ospita un importante mercato dell’elettronica e vari uffici nel centro di una delle città cinesi in più rapida crescita. Tutti gli occupanti sono stati evacuati dall’edificio in sicurezza e gli esperti, per ora, hanno riferito di non aver trovato “crepe nel terreno che circonda l’edificio e nessun pezzo di muro esterno caduto o danneggiato“.

Controlli in corso

I funzionari dell’Ufficio di gestione delle emergenze della città hanno escluso che all’origine del fenomeno possa esserci un terremoto, aggiungendo che non sono state rilevate altre oscillazioni dell’edificio che si trova nel distretto Futian della città a due passi da Hong Kong. Nessuna anomali, inoltre, “è stata riscontrata nella struttura principale e nell’ambiente circostante l’edificio“.
Il grattacielo è stato sottoposto a sequestro. Un pool di ingegneri ha avviato le ispezioni del SEG Plaza. Gli standard di costruzione scadenti degli edifici sono spesso collegati alla corruzione di funzionari locali, come è emerso nel 2020 in merito al crollo di un hotel di quarantena del Covid-19 nel sud della Cina.
Sui social media, hashtag sul SEG Plaza su Weibo, il Twitter in mandarino, ha raccolto oltre 780 milioni di visualizzazioni e centinaia di migliaia di commenti, con molti utenti preoccupati per gli standard di costruzione.

https://www.youtube.com/watch?v=E-0veIxTkpI

Cinema in lutto, è morto Charles Grodin

Coprifuoco, cambiano le regole