Paura in volo per Leclerc: turbolenza durante il viaggio verso Baku, Sainz gira un video che diventa virale e spopola sui social.

Paura in volo per Charles Leclerc, che durante il volo verso Baku ha dovuto fare i conti con una turbolenza che ha fatto ballare l’aereo. E il pilota della Ferrari, che ha ammesso di non trovarsi a suo agio durante i viaggi in aereo, è sembrato quantomeno spaventato. Reazione diversa invece per il compagno di Scuderia Carlos Sainz, che ha colto l’occasione per filmare la reazione del Predestinato. E il video è presto diventato virale facendo il giro della rete.

Paura in volo per Charles Leclerc, e Sainz lo prende in giro. I video diventano virali

Quello verso Baku non è stato un viaggio propriamente tranquillo per Charles Leclerc, visibilmente spaventato per una turbolenza che ha movimentato il volo. Il Predestinato è visibilmente teso e preoccupato e Carlos Sainz ha colto l’occasione per riprendere la scena e prendere goliardicamente in giro il compagno di Scuderia. I video, pubblicati tra le storie Instagram di Carlos Sainz, hanno fatto il giro della rete. Il filmato conferma che in casa Ferrari il clima è sereno, nonostante la recente delusione di Monaco, che ha costretto Leclerc al ritiro prima del via dopo la pole conquistata con u giro fantastico.

Charles Leclerc
Charles Leclerc

Leclerc, “Ho sempre cercato di dimenticare le brutte situazioni”

Ho sempre cercato di dimenticare le brutte situazioni cercando però anche di imparare da esse. Sono certo di aver fatto il massimo e non mi posso rimproverare nulla. Ora penso a Baku. Sabato sera a Monaco ero dispiaciuto per l’incidente, ma abbiamo controllato tutto convinti di poter fare una bella gara. Poi nel giro di allineamento, prima del tunnel, ho iniziato a sentire problema al posteriore e ho capito che sarebbe stato un problema. Almeno Carlos ha fatto una bella gara e sono contento per il risultato del team“, ha dichiarato Carlos Sainz in conferenza stampa.


MotoGP, orari e info streaming del GP della Catalogna

Alitalia, “Niente fondi per stipendi”. Slitta la seconda rata di maggio