Cos’è la polmonite interstiziale e quali sono i sintomi più frequenti della patologia.

Dall’inizio dell’emergenza coronavirus, già in occasione degli aggiornamenti nella conferenza stampa delle 18:00, appuntamento fisso per settimane, abbiamo sentito parlare anche con una certa insistenza della polmonite interstiziale. Una patologia tornata alla ribalta dopo il ricovero in ospedale del leader di Forza Italia Silvio Berlusconi. Ma esattamente di cosa stiamo parlando? E quali sono i sintomi?

Coronavirus, cos’è la polmonite interstiziale

La polmonite interstiziale è una polmonite che, come suggerisce il nome, interessa l’interstizio polmonare. L’interstizio è una sorta di sostegno agli alveoli polmonari e ai vasi sanguigni che portano il sangue a contatto con gli stessi.

“L’infezione da nuovo Coronavirus provoca proprio una infiammazione dell’interstizio che viene infiltrato dalle cellule dell’infiammazione: leucociti e macrofagi insieme a liquido trasudato dal sangue. L’impalcatura, quindi, si ispessisce, diventa ingombrante e impedisce agli alveoli di espandersi completamente durante l’inspirazione. Comincia a mancare l’ossigeno e il respiro si fa affannoso”, recita la descrizione fornita dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

Questo tipo di polmonite, nella sua fase acuta, “colpisce l’interstizio del polmone e impedisce lo scambio gas-aria con le conseguenze gravi che si possono osservare nella polmonite interstiziale da Covid-19“, prosegue la descrizione.

Terapia intensiva coronavirus

I sintomi

I sintomi più frequenti nella fase avanzata della malattia sono problemi respiratori. Nella forma lieve o iniziale i sintomi sono quelli noti del coronavirus, quelli che abbiamo imparato a conoscere e riconoscere: febbre, tosse, affaticamento, spossatezza, ad esempio. tra i sintomi si registrano anche mal di gola, mal di testa, congiuntivite e sintomi gastrointestinali.

Scarica QUI il Decreto Agosto.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
coronavirus cronaca Silvio Berlusconi

ultimo aggiornamento: 05-09-2020


Verona, batterio killer uccide 4 neonati, era nel rubinetto dell’acqua. Sospesi tre medici

Legionella, 16 casi e un morto a Busto Arsizio