I possibili ministri del Governo Conte-bis. Di Maio dovrebbe andare agli esteri. Dubbio Franceschini, resta il nodo Economia.

ROMA – I possibili ministri del Governo Conte-bis. A Palazzo Chigi in queste ultime ore si sta componendo la lista da presentare al presidente Mattarella già nella mattinata di domani. Il premier incaricato, infatti, è atteso al Quirinale nelle prime ore per annunciare la squadra che guiderà in questo esecutivo. E nel pomeriggio o al massimo giovedì dovrebbe avvenire il giuramento della nuova maggioranza.

Un weekend di ‘riposo’ prima del voto di fiducia al Senato e alla Camera che darà il definitivo via libera a questo Governo che dovrebbe vedere la presenza di Di Maio ma non di Zingaretti.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

La possibile lista dei ministri

In queste ore a Palazzo Chigi si sta cercando di completare un puzzle non semplice. Il M5s, almeno secondo le ultime indiscrezioni, dovrebbe avere 9 Ministeri mentre il PD 7. Si sta valutando anche la possibilità di inserire altre ‘poltrone’ che fino a questo momento non sono state considerate. Prima di passare alle novità, proviamo a prevedere le conferme. Alfonso Bonafede, Giulia Grillo, Alberto Bonisoli e Barbara Lezzi dovrebbero rimanere rispettivamente alla Giustizia, alla Salute, all’Istruzione e al Sud. Tutti gli altri, invece, dovrebbero cambiare proprietario.

Giuseppe Conte
La dichiarazione del Prof. Giuseppe Conte,al termine dell’incontro con il Presidente Sergio Mattarella. (foto di Francesco Ammendola – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

Le novità

Grande attesa per quanto riguarda il post Salvini. La Lamorgese resta in pole position ma la carica potrebbe andare anche a Luigi Di Maio in caso di Franceschini alla Farnesina. In caso di un nome ‘terzo’ (valutati anche Panza e Gabrielli) il leader M5s dovrebbe sostituire la Trenta alla Difesa.

Ai Trasporti il posto di Toninelli sarà preso da Patuanelli mentre la De Micheli andrà allo Sviluppo Economico. Restano ancora alcuni nodi. Quello dell’Economia con Tria che resta in bilico e quello di sottosegretario. Quasi certa la presenza di Spadafora mentre da valutare il nome del PD. Nella squadra di Governo dovrebbe entrare anche un deputato di Liberi e Uguali.

ultimo aggiornamento: 04-09-2019


Di Maio: “Sono orgoglioso del Governo che verrà”

Su Rousseau è un plebiscito in favore del governo Pd-M5S