Bufera sul M5s per un post pubblicato sul proprio blog e poi cancellato: “La manovra del Popolo è sotto attacco”, avevano scritto i pentastellati.

ROMA – Alla Camera la tensione resta molto alta. Durante la discussione in Aula della manovra, le opposizioni attaccano il M5s per un post pubblicato e subito cancellato sul proprio blog. “Siamo sotto attacco – scrivono i pentastellati – il Governo, la Manovra del Popolo. La Democrazia è sotto attacco. È in corso una delle più violente offensive nei confronti della volontà popolare perpetrata in 70 anni di storia repubblicana. Un vero e proprio terrorismo mediatico e psicologico da parte di grandi lobby, poteri forti e comitati d’affare“.

PD e Forza Italia chiedono spiegazioni in Aula con il deputato Claudio Borghi che chiede al ministro Fraccaro “di alzarsi e prendere le distanze dal post“. Molto duro anche Giorgio Mulè: “Al posto di fare l’analisi grammaticale, pensate al peso delle parole“.

Parlamento
Fonte foto: https://www.facebook.com/Cameradeideputati/

Manovra, duro Roberto Fico: “La democrazia non è sotto attacco”

La discussione è stata messa a tacere da Roberto Fico che ha preso la parola per fare calmare gli animi: “La democrazia – ha ribadito il presidente della Camera riportato dall’ANSA non è in discussione. Tutti si esprimono in modo libero, le opposizioni fanno il loro lavoro ed hanno tutto il diritto di contestare la legge di bilancio. Non c’è nessun attacco delle lobby. Ognuno fa il suo lavoro e io lo difenderò sempre sia qui dentro che fuori“.

Alta tensione quindi alla Camera dove prosegue la discussione prima dell’approvazione definitiva della manovra. Una corsa contro il tempo visto che il testo dovrà essere firmato obbligatoriamente domani dal presidente Sergio Mattarella per entrare nel cosiddette esercizio provvisorio. Alla fine le tempistiche dovrebbero essere rispettate con la maggioranza giallo-verde che si prepara a superare uno degli scogli più grandi all’ultimo minuto.

Di seguito il video con la discussione alla Camera


Mattarella premia i 33 eroi del 2018: ecco chi sono i cittadini straordinari

La manovra è diventata legge: via libera di Montecitorio