Pre-Consiglio dei Ministri sul decreto Sicurezza bis, c’è un fondo per accelerare i rimpatri. Ma Lega e Movimento Cinque Stelle restano distanti.

L’annuncio di Matteo Salvini sul Decreto Sicurezza Bis ha agitato le acque al governo, con la Lega che spinge per la discussione e l’approvazione immediata e il Movimento Cinque Stelle che tira il freno e spera di rimandare le discussioni dopo le elezioni europee del 26 maggio.

Giuseppe Conte Matteo Salvini Luigi Di Maio
Roma 05/06/2018 – Senato della Repubblica voto di fiducia al nuovo Governo / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Giuseppe Conte-Luigi Di Maio-Matteo Salvini

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Rimpatri, nel Decreto Sicurezza bis un fondo per accelerare le operazioni

Salvini ha deciso di rispondere con i fatti alle critiche ricevute dal Movimento Cinque Stelle sui rimpatri. Il titolare del Viminale avrebbe così pensato a un fondo di due milioni di euro da destinare proprio alle operazioni di rimpatrio dei migranti irregolari.

La creazione del fondo è stata inserita nello schema del decreto legge sulla sicurezza (il famoso decreto sicurezza bis) che agita il Movimento Cinque Stelle. I pentastellati non apprezzano infatti la politica dei porti chiusi del leader della Lega e non sarebbero intenzionati a concedere più poteri al Viminale.

Matteo Salvini
Roma 05/07/2018 – il Ministro degli Interni incontra il vice presidente del Consiglio Presidenziale della Libia / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Matteo Salvini

Il monito dell’Unione europea: i migranti non possono essere respinti o rimpatriati se rischiano la tortura

Sul caso dei rimpatri però è intervenuta anche la commissione europea gettando un’ombra sulla politica dei porti chiusi e dei rimpatri. Stando alla sentenza della Corte europea, infatti, i migranti non possono essere respinti nel loro paese di origine se in patria rischiano di essere torturati o vanno incontro a violazioni dei diritti umani.

L’intervento dell’Unione europea rallenta ulteriormente il lavoro del Ministero dell’Interno che in questi mesi di governo giallo-verde ha faticato a mettere in moto con continuità ed efficienza la macchina dei rimpatri.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 17-05-2019


Open – Tra le carte dell’indagine sul sindaco di Legnano spunta il nome di Salvini

Tensione al governo, l’ultimatum del M5s