Il leader dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha dichiarato di volere la Russia fuori dalla Fao, a causa delle conseguenze della guerra.

La guerra in Ucraina continua, anche a livello diplomatico. Il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha rilasciato delle dichiarazioni molto forti nei confronti del leader del Cremlino, Vladimir Putin. Il motivo? Le conseguenze legate all’aggressione delle truppe russe per quanto riguarda la sicurezza alimentare del mondo. La richiesta di Volodymyr Zelensky è una sola: che la Russia venga espulsa dalla Fao.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole del presidente ucraino

“Non ci possono essere dubbi sul fatto che la Russia debba essere esclusa dalla Fao”, ovvero l’Organizzazione dell’Onu per l’alimentazione e l’agricoltura. Queste le parole di Volodymyr Zelensky all’Ocse, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. “La Russia sta lavorando per far morire di fame almeno quattrocento milioni di persone, se non oltre un miliardo”, ha inoltre detto il leader ucraino.

In 105 giorni di guerra, la Russia ha lanciato circa 2600 missili contro le città ucraine, soprattutto contro obiettivi civili: imprese, ferrovie, ponti, università ed edifici residenziali”, ha commentato il presidente ucraino, che ha parlato all’evento Time 100, stando a quanto riferito da Ukrinform.

Volodymyr Zelensky
Volodymyr Zelensky

Il presidente ucraino ha concluso il suo intervento volendo ricordare una tragica vicenda legata alla guerra in Ucraina, ovvero il bombardamento missilistico russo che ha colpito una casa a Odessa, uccidendo tre generazioni di un nucleo familiare. La piccola Kira, sua madre e sua nonna. “Kira aveva solo un mese quando la Russia ha iniziato la guerra. Che cosa ha visto nella sua vita? E che cosa può servire il suo assassinio all’influenza russa?”.

Nella giornata odierna, Zelensky ha anche parlato della situazione delle truppe russe sul territorio ucraino, riportando i numeri dei morti russi in guerra.Oltre 31.000 militari russi sono già morti in Ucraina. Dal 24 febbraio, la Russia paga ogni giorno quasi 300 vite dei suoi soldati per una guerra completamente insensata contro l’Ucraina. E comunque verrà il giorno in cui il numero delle perdite, anche per la Russia, supererà il limite consentito. Questo il post su Telegram del presidente ucraino.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 09-06-2022


Tracce maturità 2022, il commento del ministro dell’Istruzione

Trump era a conoscenza dei piani del 6 gennaio 2021