È successo negli Stati Uniti: una coppia ha celebrato il primo matrimonio nel metaverso alla presenza di invitati-avatar.

È stato celebrato il primo matrimonio nel metaverso: i due sposi sono americani e hanno tenuto una cerimonia mista, con alcuni invitati in presenza e altri che hanno preso parte al matrimonio in forma di Avatar. E come gli altri invitati hanno preso parte ai festeggiamenti al tradizionale brindisi di auguri.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il primo incontro della coppia

La notizia è stata riportata dal New York Times. I due, lei cinquantenne e lui sessantenne, si sono incontrati per la prima volta come avatar, quindi nel metaverso. Il primo incontro del futuro è avvenuto nel corso di un evento organizzato dall’azienda per la quale i due lavorano. E il capo dei due, che evidentemente ha preso a cuore la vicenda, ha fornito ai due un cloud per il matrimonio.

fedi matrimonio
fedi matrimonio

Usa, celebrato il primo matrimonio nel metaverso

E così si arriva alle nozze miste, celebrate alla presenza di invitati in carne ed ossa e alla presenza di avatar. Gli invitati virtuali hanno scaricato un programma sul proprio computer, hanno creato il proprio avatar e hanno preso a tutti gli effetti parte alla cerimonia. Sembra, stando a quanto riferito dal Sun, che la coppia abbia preso in considerazione l’ipotesi di fare una luna di miele nel metaverso.

Stati Uniti all’avanguardia, così cambia il rito del matrimonio

Gli Stati Uniti sono all’avanguardia nel settore della realtà virtuale. Basti pensare che già lo scorso mese di aprile una coppia di sposi ha infranto la tradizione scegliendo di scambiarsi delle fedi NFT al posto dei tradizionali anelli, che da secoli simboleggia l’unione tra marito e moglie. Ma i tempi stanno cambiando. E i simboli anche.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 15-12-2021


Cameriera riceve una mancia da 4.000 dollari ma viene licenziata per non averla divisa con i colleghi

Vaccini bambini 5-11 anni, si parte: prime somministrazioni allo ‘Spallanzani’