E’ stata rinviata al prossimo 8 settembre la prossima udienza del processo Ruby ter. Niente stralcio per Berlusconi.

MILANO – E’ stata rinviata al prossimo 8 settembre la prossima udienza del processo Ruby ter. Il Tribunale di Milano ha respinto la richiesta avanzata dai legali di Silvio Berlusconi di stralciare la posizione per legittimo impedimento dovuto a motivi di salute.

Silvio Berlusconi e Barbara Berlusconi
Silvio Berlusconi e Barbara Berlusconi

Ruby Ter, processo rinviato, niente stralcio per Silvio Berlusconi

I giudici del Tribunale di Milano non hanno accolto la richiesta di stralciare la posizione di Silvio Berlusconi per le condizioni di salute del diretto interessato. La posizione dell’ex Presidente del Consiglio quindi non viene separata da quella per gli altri imputati. Per tutti la prossima udienza è fissata al prossimo 8 settembre.

I giudici hanno comunicato che concordano sul fatto che sussista un legittimo impedimento legato alle condizioni di salute di Silvio Berlusconi ma hanno evidenziato come tutte le difese si siano opposte alla separazione della posizione di Berlusconi.

La Procura aveva espresso parere favorevole sullo stralcio della posizione di Silvio Berlusconi e di separare la sua posizione per garantire agli soggetti coinvolti di concludere l’iter processuale in tempi brevi.

“Le pluripatologie fisiche non hanno possibilità di recupero, perché sono cronicizzate, così come ci sono state descritte, e le patologie, faccio presente che delle tre espresse una è psicologica e l’altra è psichiatrica-neurologica, danno un quadro che merita attenzione“, ha dichiarato il Procuratore dopo che i giudici hanno respinto la richiesta.

Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi

Udienza rinviata al prossimo 8 settembre

Il processo va quindi avanti per tutti e riprenderà il prossimo 8 settembre, quando si spera che Silvio Berlusconi possa aver superato i problemi di salute e possa comparire in Aula.


Mottarone, Salvini dopo i fermi: “Se fosse vero, non esisterebbe pena al mondo per punire tanta avidità e cattiveria”

Nomine, assoluzione definitiva per Virginia Raggi. Nessun ricorso in Cassazione