Professoressa sospesa a Palermo, ecco il video incriminato

Caso della professoressa sospesa a Palermo, il video incriminato. E il Movimento Cinque Stelle attacca la Lega.

Continuano le polemiche intorno al caso della professoressa sospesa a Palermo con l’accusa di avere paragonato Matteo Salvini a Benito Mussolini.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/salviniofficial

Professoressa sospesa a Palermo, il video mostrato agli studenti

Sui social network è possibile vedere video incriminato, quello del paragone tra il Ventennio Fascista e la Lega di Salvini.

Si tratta di una carrellata di immagini che mettono a confronto gli episodi di ieri con quelli di oggi. Si parte dalla politica dei porti chiusi avviata da Matteo Salvini per quanto riguarda i migranti e si passa alla legge sulla Sicurezza, altra storica battaglia della Lega.

Il lavoro degli studenti prosegue con una lunga serie di paragoni e sembra oggettivamente uno spunto di riflessione più che un’accusa al leader della Lega.

Il lavoro deve essere stato veicolato e snocciolato dalla professoressa. Proprio sulla posizione della docente si concentrano ora le indagini delle autorità competenti, che dovranno chiarire se si sia trattato di un lavoro contro il Ministro dell’Interno o di un approfondimento storico da cui partire per un’analisi più approfondita su alcuni degli eventi più drammatici della recente storia italiana.

Di seguito il video (condiviso sul canale YouTube de la Repubblica) che è costato la sospensione alla professoressa di Palermo.

Il Movimento Cinque Stelle contro la Lega

Diversi esponenti del Movimento Cinque Stelle hanno preso posizione contro Matteo Salvini e contro la Lega, accusando il Carroccio di censura. Il Carroccio ha fermamente respinto le accuse degli alleati di governo.

ultimo aggiornamento: 18-05-2019

X