Nuove proteste contro il Green Pass in Italia. A Milano devastato un gazebo M5s. Giornalista aggredita a Roma.

ROMA – Non si fermano le proteste contro il Green Pass in Italia. Nella giornata di sabato 28 agosto centinaia di persone ancora una volta si sono ritrovate in piazza per manifestare il proprio dissenso con le decisioni prese dal Governo. E non sono mancati momenti di tensione.

A Milano devastato un gazebo M5s

A Milano i manifestanti hanno devastato un gazebo M5s. Come riportato dal Corriere della Sera, sono due le persone iscritte sul registro degli indagati ma gli inquirenti continuano le indagini per provare ad accertare meglio quanto successo e provare a identificare i responsabili.

Il fascicolo è stato aperto con le ipotesi di reato di manifestazione non autorizzata, danneggiamento e attentato contro i diritti politici del cittadino. Accusa che potrebbe portare da uno a cinque anni di reclusione. Gli approfondimenti continueranno nelle prossime ore per provare a risalire ai responsabili di questo gesto condannato da molti partiti.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Auto polizia
Auto polizia

A Roma aggredita una giornalista

Momenti di tensione anche a Roma. Una giornalista di RaiNews24 è stata aggredita mentre cercava di documentare quanto stava succedendo. “Ero vicino casa – ha detto al Corriere della Sera – non ero neanche di servizio. E’ stato l’istinto, mi sono avvicinata al corteo in viale Mazzini, no vax, capitanati da Forza Nuova, ragazzi e ragazze con addosso magliette nere e cappellini“.

Avevo con me – ha aggiunto – il cellulare aziendale. Sono una giornalista e ho iniziato a fare delle domande […]. Una ragazza bella grossa all’improvviso ha iniziato a strattonarmi. Le cose si stavano mettendo male, fortunatamente è intervenuto un poliziotto a salvarmi […]“.

La donna, rimasta leggermente ferita, ha deciso di denunciare quanto successo perché “è un dovere civico andare fino in fondo. Ho voluto dare un segnale, pensando anche a mio figlio che ha 14 anni, che frequenta il centro di Roma e non va bene che per una mascherina ti aggrediscono“.


180 studenti della Sapienza bloccati in Afghanistan. La ministra Messa: “Ogni sforzo per riportarli in Italia”

Torna la zona Gialla, quali sono le regole e cosa cambia