Durante il discorso al Club Valdai di Mosca, Putin ha concluso “in bellezza” con un’infelice barzelletta sull’assenza del gas in Europa.

Ad oggi siamo al 248esimo giorno di guerra tra Russia e Ucraina. Quella che doveva essere una guerra lampo, si è trasformata in una vera e propria guerra di logoramento. In tutto questo tempo l’Ucraina, nonostante gli attacchi messi in atto dalle truppe di Putin, ha continuato a resistere senza mai abbandonare le linee di combattimento per non permettere alle truppe nemiche di conquistare tutti i loro territori.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’accusa nei confronti degli Usa

In tutta questa situazione, Vladimir Putin avrebbe accusato ancora una volta gli Usa di voler “prolungare” il conflitto in Ucraina. Secondo il presidente russo l’operazione militare speciale in Ucraina è stata decisa nel pieno rispetto della Carta delle Nazioni Unite.

Vladimir Putin

Le dichiarazioni del leader del Cremlino: “Gli obiettivi di questa operazione sono definiti chiaramente: garantire la sicurezza della Russia e dei nostri cittadini e proteggere gli abitanti del Donbass dal genocidio” ha spiegato. Secondo Putin, gli Stati Uniti “hanno preparato per il popolo ucraino un futuro da carne da cannone”.

La presa di posizione di Putin nei confronti dell’Occidente è chiara: “L’Occidente vuole distruggerci”, ha detto. Poi ha aggiunto: “Sta tentando di trasformare il popolo ucraino in carne da cannone. Il nostro obiettivo è liberare il Donbass”.

In un clima del genere, il leader del Cremlino, durante le quattro ore sul palco del Club Valdai di Mosca, durante il suo discorso avrebbe lanciato accuse nei confronti di tutti i Paesi occidentali. Poi, il gran finale: lo zar di Mosca ha terminato il suo lunghissimo discorso con un’infelice barzelletta sulla mancanza di gas in Europa.

La barzelletta

“Un mio conoscente in Germania – dice lo zar – mi ha raccontato questa storiella. Un figlio chiede al padre: “Perchè fa così freddo?”. “Perchè la Russia ha attaccato l’Ucraina”, risponde il papà. “E cosa c’entriamo noi?”. “Noi abbiamo imposto sanzioni alla Russia”. “Perché?”. “Per fare soffrire i russi”. “Ma scusa papà, noi siamo russi?”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 28-10-2022


Guerra, l’Ucraina continua a fare progressi nel conflitto

Si torna all’ora solare: ecco come risparmiare sulla corrente