Dovete ritirare il vostro primo stipendio e volete sapere qual è la differenza tra lo stipendio lordo e quello netto? Oppure, semplicemente, non lo ricordate e volete rivederlo? Qui vi spieghiamo in cosa differiscono

Qualsiasi persona che abbia fatto un lavoro da dipendente o da subordinato, anche se solo per poco tempo, avrà sicuramente già ricevuto una busta paga e si sarà già chiesto qual è la differenza tra lo stipendio lordo e quello netto. Nella stessa misura, anche chi non ha mai lavorato o chi è al primo lavoro potrebbe avere lo stesso identico dubbio, non avendo mai visto una busta paga in vita loro.

QUAL È LA DIFFERENZA?

Una volta che si viene assunti, comunque, al lavoratore verrà specificato l’ammontare del suo stipendio lordo, che non corrisponde a quanto prenderà. Questo perché lo stipendio che verrà incassato, ovvero quello netto, dovrà passare prima per due tipi di detrazioni, ovvero quelle fiscali e quelle previdenziali.

QUALI SONO LE IMPOSTE CHE VENGONO TRATTENUTE?

Infatti il datore di lavoro, per legge, deve trattenere dalla busta paga sia le imposte che sono correlate al reddito erogato al lavoratore, come l’IRPEF, le addizionali varie e le imposte sostitutive, sia i contributi previdenziali a carico del lavoratore stesso, i quali vengono calcolati sulla base della retribuzione del lavoratore. Entrambe le trattenute, in seguito, verranno versate una all’Agenzia delle Entrate e l’altra all’INPS.

SONO FACILI DA CALCOLARE LE IMPOSTE?

calcoli che portano alla differenza, vera e propria, tra stipendio lordo netto, sono molto complessi, anche perché molti dei fattori di calcolo mutano ogni mese, come la trattenuta sull’addizionale regionale, che viene applicata solo per undici mesi. Il motivo per cui esiste questa differenza è proprio nelle trattenute applicate allo stipendio.

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 17-01-2017


Occhiali, fusione tra Luxottica e Ellisor: nasce colosso da 50 miliardi

Cosa sono le erogazioni liberali?