Raffaele Cantone è il nuovo procuratore di Perugia. Csm diviso, 12 voti per il nuovo procuratore, 8 per Masini.

È Raffaele Cantone il nuovo procuratore di Perugia. Il Csm si è espresso con dodici voti a favore contro gli otto incassati da Masini. A favore di Cantone hanno votato i progressisti di di Area e i laici dello schieramento politico.

Raffaele Cantone nuovo procuratore di Perugia

I giornali parlano di un Csm diviso, e la spaccatura emerge anche dal risultato della votazione. La Procura di Perugia è diventata una zona di rilievo della scacchiera.

Si tratta infatti della Procura titolare dell’inchiesta sul pm Luca Palamara che ha minato alle fondamenta la stabilità del Csm, Consiglio Superiore della Magistratura.

Raffaele Cantone
Raffaele Cantone

Il testa a testa con Masini

Cantone si è affermato come pm a Napoli e poi ha vissuto un’esperienza all’Anac. Il suo contendente nella votazione era forte di una esperienza collaudata a costante nel ruolo di pubblico ministero.

Stando a quanto riferito da il Fatto Quotidiano, il consigliere del Csm Di Matteo avrebbe fatto sapere che sarebbe inopportuno che Cantone indaghi su Palamara. Come riferito in precedenza, proprio la Procura di Perugiaè competente delle indagini su Palamara.

Il voto ‘della politica’

Il mondo della politica si è schierato compatto (Movimento 5 Stelle, Lega e Forza Italia) dalla parte di Cantone.

La riforma Bonafede

Interessante notare, come fatto da diversi organi di stampa, che con la riforma Bonafede la nomina di Cantone non sarebbe stata possibile. L’impianto ipotizzato dal ministro della Giustizia, infatti, vieta ai fuori ruolo di candidarsi per assumere incarichi direttivi per due anni.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca evidenza perugia politica primo piano Raffaele Cantone Ultima Ora

ultimo aggiornamento: 17-06-2020


Conte presenta il ‘Piano italiano per il Rilancio’. Ma dal mondo del lavoro e del commercio scatta l’allarme

Salvini, ‘Follia aver fatto pagare l’Imu agli italiani. Meno aperitivi in villa e più visite alle fabbriche’