Una ragazza di 19 anni è stata circondata e minacciata a Capodanno da una trentina di ragazzi. Si indaga su altri casi. Fermati due ragazzi

MILANO – Novità importanti sulla vicenda della ragazza di 19 anni circondata e minacciata a Capodanno da una trentina di ragazzi a Capodanno. Come riportato dal Corriere della Sera, un video dell’aggressione è stato pubblicato sui social e il filmato è al vaglio degli inquirenti per risalire ai responsabili di questo gesto. Nel corso delle indagini è emerso che altre ragazze sono state aggredite in piazza Domo e nel centro di Milano nella notte di Capodanno.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

L’aggressione avvenuta a Milano nella notte di Capodanno

L’aggressione è avvenuta a Milano nella notte di Capodanno. Dalle prime informazioni, la 19enne si era allontanata dal gruppo degli amici e subito dopo è stata circondata da un branco formato da una trentina di ragazzi. In un primo momento la giovane aveva pensato ad una rapina tanto da consegnare la borsa, ma il maltrattamento non è terminato. A far ritornare la situazione alla normalità è stato l’intervento della polizia. Gli agenti hanno permesso mettere fine a questa aggressione e portata la ragazza in ospedale.

Secondo quanto emerso nel corso degli accertamenti, sono almeno cinque le ragazze aggredite in piazza Duomo a Milano nella notte di Capodanno ma si indaga su altri casi.

Polizia
Polizia

Le indagini

Sul caso è stata aperta un’indagine. La pubblicazione sui social del video dell’aggressione ha consentito agli inquirenti di raccogliere maggiori informazioni su quanto accaduto. La Procura indaga con l’ipotesi di violenza sessuale di gruppo in quanto gli aggressori hanno agito in branco.

Perquisiti 18 ragazzi

Nella mattinata dell’11 gennaio sono stati perquisiti 18 ragazzi tra Milano e Torino. Si tratta di giovani di età compresa tra gli 15 e i 25 anni sia italiani che stranieri.

Fermati due giovani

Un ragazzo di 21 anni e uno di 18 sono stati fermati per le violenza in piazza Duomo. I due sono stati riconosciuti dalle vittime. Il fermo dei due, ha comunicato il procuratore, è scattato per i vari indizi a carico e per il rischio di fuga degli indagati. Le accuse sono quelle di violenza sessuale di gruppo e rapina.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 12-01-2022


È di Liliana Resinovich il corpo ritrovato a Trieste. Ma l’autopsia non risolve il mistero sulle cause della morte

Covid, occupazione dei posti letto in terapia intensiva al 18 per cento. I dati Agenas