Una ragazza di 15 anni ha denunciato uno stupro di gruppo da parte di alcuni amici. Indagini in corso.

RIMINI – Una ragazza di 15 anni ha denunciato uno stupro di gruppo da parte di alcuni amici durante una serata in spiaggia a Rimini. La Questura ha subito aperto un’indagine, con la Squadra Mobile che sta effettuando tutti gli accertamenti del caso per verificare le sue parole.

L’aggessione

L’aggressione, secondo quanto riferito da La Repubblica, sarebbe avvenuta nella serata di domenica 6 giugno 2021. A chiamare i soccorsi sarebbe stata la stessa giovane per chiedere aiuto. Successivamente la chiamata al padre per tornare a casa dopo le prime cure al Pronto Soccorso.

La vittima qualche ora dopo l’aggressione ha raccontato tutto agli inquirenti e sono in corso tutte le verifiche del caso. La giovane ha accusato alcuni suoi amici tutti minorenni che avrebbero abusato di lei in spiaggia. Massimo riserbo sull’inchiesta anche perché si tratta di una vicenda molto delicata e nelle prossime ore potrebbe essere ascoltata ancora una volta la giovane per cercare di ricostruire insieme quanto successo. I punti da chiarire sono diversi e presto gli investigatori sperano di poter risalire ai responsabili di questa aggressione.

Auto polizia
Auto polizia

Indagini in corso

Le indagini sono in corso. La Squadra Mobile sta visionando i filmati delle telecamere di videosorveglianza per cercare di risalire alle persone responsabili di questa vicenda. Gli inquirenti preferiscono mantenere il massimo riserbo e nelle prossime ore potrebbe essere ascoltata ancora una volta la ragazza per cercare di ricostruire meglio l’accaduto.

La giovane spera di poter il prima possibile dimenticare quanto accaduto anche per cercare di ritornare a vivere la gioventù. Non sarà per nulla semplice mettersi alle spalle questo brutto episodio. Una vicenda che sarà chiusa solamente dopo l’arresto dei responsabili di questa violenza di gruppo avvenuta sula spiaggia di Rimini nella giornata del 6 giugno.


Funivia Mottarone, tolto il caso alla gip. La Procura: “Annullare le ordinanze”

Via libera alle feste private: le regole