Una ragazza di 30 anni ha detto di essere stata violentata a Udine il giorno di Capodanno. Aperta un’indagine dalla Procura.

UDINE – Ragazza violentata a Udine il giorno di Capodanno? L’episodio è stato raccontato da una 30enne agli inquirenti nella mattinata di giovedì 2 gennaio 2020. Secondo quanto precisato dalla vittima, l’abuso sarebbe avvenuto durante la festa in piazza.

La Procura ha aperto un fascicolo per accertare meglio quanto accaduto e risalire all’identità dell’aggressore. Una vicenda che resta poco chiara con le autorità locali che nelle prossime ore sono chiamati a chiarire meglio la dinamica di questa violenza.

Ragazza violentata a Udine, la ricostruzione

Al vaglio degli inquirenti la versione della giovane donna. La 30enne ha raccontato di essersi ‘staccata’ dal gruppo di amici per salire sul primo tratto della rampa di accesso al castello per fare alcune fotografie. Qui è stata aggredita da un uomo che ha abusato di lei prima di darsi alla fuga.

La chiamata ai soccorsi è stata immediata. In ospedale la giovane si è sottoposta a tutti i controlli del caso con gli agenti che l’hanno sentita per la prima volta. Il giorno successivo la giovane si è recata in Questura per fare la denuncia formale con gli inquirenti che stanno effettuando tutti i controlli del caso.

Polizia di Stato
fonte foto https://www.facebook.com/poliziadistato.it/

Le indagini

L’indagine è ancora agli inizi con la Procura che sta cercando di risalire all’identità del presunto aggressore. Si attendono anche gli accertamenti medici per chiarire meglio quanto accaduto. Non sarà semplice riuscire a fermare il colpevole di questo abuso viste le diverse persone presenti in piazza.

La speranza resta quella delle telecamere di videosorveglianza presenti in quella zona. Dai video potrebbe arrivare qualche informazione in più agli agenti che stanno indagando su quanto accaduto in piazza a Udine nella sera del giorno di Capodanno.

Episodio simile a Forlì

Un episodio simile è stato denunciato a Forlì. Nella notte di San Silvestro un ubriaco di origine polacca si è introdotto in un condominio, dove aveva vissuto per diversi anni, e poi ha forzato la porta di un’abitazione. Qui ha abusato di un ragazzo di 15 anni affetto da autismo.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/poliziadistato.it/


Sassari, 14enne muore di meningite batterica

Morta la madre di Isabella Noventa, la donna scomparsa ad Albignasego