Un ragazzo di 27 anni è stato pestato a sangue dal branco per difendere la fidanzata. L’appello della madre: “Chi sa parli”.

PISA – Un ragazzo di 27 anni è stato pestato a sangue da un branco per aver difeso la fidanzata. Secondo quanto riportato da La Nazione citata da Fanpage, il giovane nella serata di giovedì stava passeggiando con la fidanzata a Marina di Pisa quando la ragazza è stata presa di mira da un gruppo di ragazzi che le avrebbero rivolto degli apprezzamenti volgari.

Subito dopo le parole nei confronti della giovane, è partita l’aggressione nei confronti del fidanzato. Calci e pugi prima di far perdere le tracce.

La madre: “Chi sa parli. La situazione è critica”

Le condizioni del ragazzo sono gravi e la madre ha lanciato un appello per cercare di risalire ai responsabili dell’aggressione. “E’ intubato – ha detto la donna – la situazione è critica. Chi ha visto parli, mio figlio sta lottando per la sua vita. Non si sa che cosa gli abbiano fatto e come lo abbiano ridotto. Era a 20 metri da mia nuora, io penso che lo abbiano afferrato in tre e lo abbiano preso a calci. Non è riuscito a dire nulla lui, purtroppo“.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Ambulanza
Ambulanza

Indagini in corso

Le indagini sono in corso per risalire ai responsabili di questa aggressione. Secondo il racconto della ragazza, il gruppo ha preso di mira prima lei con apprezzamenti volgari e poi si è accanito sul fidanzato con calci e pugni per qualche minuto prima di far perdere le proprie tracce.

Il 27enne è stato trasportato in codice rosso in ospedale e i medici non hanno ancora sciolto la prognosi. Gli inquirenti hanno aperto un fascicolo e stanno effettuando tutti gli approfondimenti del caso. Non sarà semplice risalire all’identità degli aggressori e da qui l’invito della madre a chi ha assistito a questa scena.


Coronavirus, a Melbourne e Sidney proteste contro il lockdown

Green Pass obbligatorio, proteste a Roma, Milano e Torino