Tragedia a Serramanna (Cagliari). Un ragazzo di 15 anni è stato travolto e ucciso da un treno mentre stava attraversando i binari.

SERRAMANNA (CAGLIARI) – Una tragedia ha sconvolto l’intera comunità di Serramanna, paesino in provincia di Cagliari. Nella serata di mercoledì 19 giugno 2019 un ragazzo di 15 anni ha perso la vita dopo essere stato travolto da un treno mentre stava attraversando i binari.

Sulla vicenda è stata aperta un’indagine da parte della Procura che ha disposto il sequestro del mezzo. Sotto shock il macchinista del convoglio che ha cercato di frenare ma non è riuscito ad evitare l’impatto. Il treno ha finito la sua corsa circa 200 metri di distanza dal luogo della tragedia.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Ambulanza
Fonte foto: https://www.facebook.com/ItalianRedCross

15enne travolto da un treno a Serramanna: sconvolti gli amici

Secondo una prima ricostruzione degli inquirenti, il 15enne era appena tornato da una giornata a mare con gli amici. Alla stazione di Serramanna il gruppo ha deciso di attraversare i binari ma Gabriele, questo il nome della vittima, non si è accorto del passaggio del treno.

L’impatto è stato fatale. Il macchinista ha cercato di frenare ma si è accorto troppo tardi della presenza del ragazzo e purtroppo per il giovane non c’è stato nulla da fare. Sulla vicenda è stata aperta un’indagine e nei prossimi giorni saranno ascoltati gli amici di Gabriele che ora sono sconvolti dalla tragedia.

15enne morto a Serramanna: proclamato lutto cittadino

La Procura di Cagliari ha aperto un’inchiesta sulla vicenda. E’ stato disposto il sequestro del mezzo per accertare meglio la dinamica di questa tragedia. Intanto il sindaco di Serramanna ha espresso la vicinanza alla famiglia e disposto una giornata di lutto cittadino quando ci saranno i funerali del piccolo Gabriele. Il magistrato a breve dovrebbe autorizzare la restituzione del corpo alla famiglia che ancora non crede a quanto successo.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/ItalianRedCross


Gavi, tredici persone arrestate per maltrattamenti su disabili

Caso Camilleri, Ruotolo e Borrometi si auto-sospendono dall’Ordine dei Giornalisti