19enne ucciso ad Alghero, fermato il presunto killer

Tragedia ad Alghero. Un ragazzo di 19 anni è stato trovato morto in una casa del centro storico. Fermato il presunto killer.

ALGHERO (SASSARI) – Tragedia nella serata di venerdì 5 aprile 2019 ad Alghero. Un ragazzo di 19 anni è stato ucciso in una casa del centro storico con un solo colpo di pistola che lo ha colpito tra il petto e il collo. Dopo una lunga notte di interrogatori, gli inquirenti hanno fermato il proprietario dell’appartamento.

Si tratta di un 18enne che ha ammesso di aver aperto il fuoco. Previsto nelle prossime ore l’interrogatorio di garanzia per convalidare il fermo e capire il movente di questo omicidio che ha sconvolto l’intera città di Alghero.

Sparatoria ad Alghero, morto un ragazzo di 19 anni

La chiamata ai carabinieri è arrivata dai vicini di casa. Poco dopo le 22 alcuni residenti della palazzina hanno sentito delle urla dopo lo sparo. All’arrivo del personale del 118 per il ragazzo non c’era più niente da fare mentre gli inquirenti hanno subito iniziato a sentire le persone presenti per ricostruire la dinamica della sparatoria.

I sospetti dei carabinieri si sono subito concentrati sul padrone di casa. Ai militari il 18enne avrebbe inizialmente detto che a sparare sarebbe stato un uomo, scappato subito dopo per i vicoli della città vecchia. Una testimonianza che non ha convinto gli investigatori. Alla fine il giovane ha confessato di aver aperto il fuoco anche se al momento il movente rimane sconosciuto. Le indagini proseguiranno nei prossimi giorni ma gli inquirenti non escludono nessuna pista.

Carabinieri
fonte foto https://www.facebook.com/carabinieri.it/

19enne ucciso ad Alghero, colpo partito per sbaglio?

Il colpo potrebbe essere partito anche per sbaglio. I giovani – secondo una prima ricostruzione degli inquirenti – molto probabilmente stavano maneggiando l’arma regolarmente detenuta quando il colpo sarebbe stato esploso non volontariamente. Si attendono i rilievi della balistica per capire se questa ipotesi può essere reale.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/carabinieri.it/

ultimo aggiornamento: 06-04-2019

X