Il rapporto della Coldiretti sul Natale: “Quattro milioni di italiani hanno chiesto aiuto per mangiare”.

ROMA – Il nuovo rapporto della Coldiretti sul Natale e Capodanno ha confermato un quadro allarmante nel nostro Paese. Secondo le stime dell’associazione, sono quattro milioni gli italiani che hanno chiesto aiuto per mangiare. Un numero raddoppiato rispetto al 2019 e il rischio di una crescita nelle prossime settimane è molto alto.

Coldiretti: “Si tratta della punta dell’iceberg”

Il rapporto, riportato dall’Agi, è stato commentato dalla stessa Coldiretti: “Si tratta della punta dell’iceberg della situazione di difficoltà in cui si trova un numero crescente di persone costrette a far ricorso alle mense dei poveri e molto più frequentemente ai pacchi alimentari, anche per le limitazioni rese necessarie dalla pandemia“.

Tra le categorie più deboli – ha evidenziato l’associazione – il 21% è rappresentato da bambini di età inferiore ai 15 anni, quasi il 9% da anziani sopra i 65 anni e il 3% sono i senza fissa dimora secondo gli ultimi dati Fead. Tra i nuovi poveri ci sono anche coloro che hanno perso il lavoro e le persone impiegate nel sommerso […]“.

Il difficile equilibrio tra emergenza sanitaria ed economica

Una situazione destinata a peggiorare nelle prossime settimane. Il Governo in questi mesi non sembra essere riuscito a trovare l’equilibrio tra l’emergenza sanitaria ed economica che ha colpito il nostro Paese con la pandemia.

Le chiusure e i ristori inadeguati per coprire tutte le perdite hanno portato molte attività commerciali a dover fare i crisi con una crisi economica difficilmente da superare. E l’ipotesi di ulteriori restrizioni rischiano di dare una nuova mazzata ad esercizi come ristoranti e bar, destinati ad essere ancora una volta penalizzati. La fotografia della Coldiretti è allarmante e nelle prossime settimane ci si aspetta una risposta seria da parte del Governo e del premier Conte per cercare aiutare gli italiani.


Conti pubblici, il Mef: “Fabbisogno 2020 peggiora”

Si valuta un nuovo stop delle cartelle esattoriali