La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen sul Recovery fund: “Importante finire entro la pausa estiva”.

Ursula von der Leyen spinge sul Recovery Fund e in un’intervista ai microfoni dell’Handelsbatt annuncia che in caso di mancato accordo alla fine del vertice di metà luglio bisognerà procedere con un secondo incontro per chiudere la questione prima della pausa estiva.

Recovery fund, von der Leyen: “Importante finire entro la pausa estiva”

La von der Leyen vuole chiudere la trattativa sul piano di aiuti entro la fine del mese di luglio. La consapevolezza è che il piano di aiuti proposto dall’Unione europea debba partire il prima possibile, per evitare di vanificare tutti gli sforzi fatti fino a questo momento. Nel caso in cui i soldi arrivassero in ritardo, come specificato nelle scorse settimane anche dal premier Conte, il piano di aiuti sarebbe sostanzialmente inutile alla causa.

“È importante che finiamo entro la pausa estiva […] O riusciamo al primo o avremo bisogno di un secondo, ad ogni modo dobbiamo lavorarci fino al punto che il pacchetto venga avviato. Non possiamo permetterci una pausa estiva fino a quel momento”, ha dichiarato Ursula von der Leyen come riportato dall’Ansa.

Ursula von der Leyen
Ursula von der Leyen

Trattative in corso tra i leader dei paesi Ue

In vista del vertice europeo di metà luglio i leader europei trattano a fari spenti nella speranza di arrivare a un accordo al primo appuntamento utile. Restano da vincere le resistenze dei Paesi del Nord, poco inclini ad accettare il piano europeo così come proposto da Bruxelles. Dall’altra parte ci sono gli Stati del Sud. Questi non sono intenzionati ad accettare passi indietro rispetto alla proposta avanzata dalla Presidente della Commissione europea.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
coronavirus evidenza politica primo piano recovery fund Ultima Ora

ultimo aggiornamento: 29-06-2020


L’Iran emette un mandato di arresto contro Trump per la morte di Soleimani

Meloni: “La cosa più responsabile che si possa fare è indire nuove elezioni”