Il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, ha dichiarato che i dem voteranno sì al referendum al taglio dei parlamentari ma che si dovrà varare una nuova legge elettorale.

ROMA – Nicola Zingaretti ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera. Il segretario del Pd ha affrontato il tema del referendum costituzionale.

Zingaretti: “Sì del Pd condizionato”

Voteremo sì al referendum, sosteniamo da sempre la riduzione del numero dei parlamentari e per anni abbiamo presentato proposte di legge in questo senso. Tuttavia per votare Sì e far nascere il governo abbiamo chiesto modifiche circa i regolamenti parlamentari e una nuova legge elettorale, per tutelare i territori, il pluralismo e le minoranze“.

Nicola Zingaretti
Db Milano 10/01/2020 – convegno “Nord Face. Lavoro sviluppo ambiente: il Nord per l’Italia” / foto Daniele Buffa/Image nella foto: Nicola Zingaretti

La legge elettorale

Approvare la riforma elettorale in un ramo del Parlamento è possibile per il segretario Pd. “Se c’è la volontà politica si può fare molto“, ha precisato Zingaretti, il quale ha proseguito: “Quando si parla di democrazia e istituzioni tutti i momenti sono buoni. Naturalmente accanto a questo c’è la priorità del lavoro, della scuola, della crescita. Confido che si possa aprire tutti assieme una fase nuova dove la politica diriga i grandi processi di trasformazione in corso e non li subisca“.

Le Regionali

Infine, Zingaretti ha parlato delle Regionali: “Quando votano milioni di cittadini è sempre un fatto politico. Peserà sugli sviluppi della situazione italiana. Comunque, quello che cambierà sicuramente in meglio o peggio, sarà la vita dei cittadini delle Regioni investite dalla consultazione elettorale, per questo ovunque combattiamo per vincere“.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro


Usa 2020, Melania Trump e l’appello senza attacchi agli avversari: ‘Votatelo, ha l’America nel cuore’

Bilaterale Italia-Cina, Di Maio: “La partnership con Pechino è una priorità”