Regionali in Sardegna, spoglio a rilento: tra i due litiganti, il terzo gode?
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Regionali in Sardegna, spoglio a rilento: tra i due litiganti, il terzo gode?

Giorgia Meloni in aula

Seggi a lavoro dalle 7 per le Regionali in Sardegna ma lo spoglio sta procedendo a rilento. Fin qui, l’esito sembra inatteso.

Dieci sezioni scrutinate per le Regionali in Sardegna e il primo esito è sorprendente. La “lite” Meloni-Salvini sembra aver portato i suoi frutti, al contrario… Il candidato Paolo Truzzu, fortemente voluto dalla Premier, è sotto rispetto ad Alessandra Todde, candidata per il campo largo Pd-M5s. Nell’Isola, va detto, lo spoglio sta procedendo piuttosto a rilento con le attività iniziate alle 7.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Giorgia Meloni in aula
Giorgia Meloni

Regionali in Sardegna: spoglio a rilento

In Sardegna sono cominciate dalle 7 di questa mattina le operazioni di scrutinio del voto per l’elezione del presidente della Regione. I primi risultati ufficiali sono arrivati a circa tre ore dall’inizio dello spoglio, decisamente a rilento rispetto alle attese.

Pare proprio che i dissapori tra Meloni e Salvini non abbiano portato bene al candidato prescelto, Paolo Truzzu. Una situazione che ha visto, fino ad ora, Alessandra Todde, per il campo largo Pd-M5s, trarne vantaggio

I primi dati a sorpresa

I primi dati sulle Regionali arrivano da Cagliari: nelle dieci sezioni scrutinate Todde è al 53,7% e Truzzu al 40,3%. I componenti delle 1844 sezioni avranno 12 ore di tempo, sino alle 19, per completare tutte le attività con i risultati.

La Regione ha comunicato quindi i primissimi dati a circa tre ore dall’inizio delle operazioni di scrutinio: Alessandra Todde (centrosinistra) risulta in vantaggio col 53,7% (con 517 voti), mentre Paolo Truzzu (centrodestra) è al 40,3% (con 388 voti). Renato Soru (Coalizione sarda) è al 5% (48 voti) e Lucia Chessa (Sardigna R-esiste) all’1% (10 voti).

Curioso il dato che arriva dal paese più piccolo della Sardegna, ovvero Baradili nell’Oristanese. Qui, degli 81 abitanti totali hanno votato 48 elettori su 73 aventi diritto al voto, per una percentuale del 65,8%.

A vincere è stata Alessandra Todde che ha ricevuto 22 voti. Paolo Truzzu del centrodestra, invece, 19 voti, Renato Soru 3 voti e un voto Lucia Chessa.

Gli aggiornamenti

Quando sono state scrutinate 225 sezioni su 1844 (il 12,2%) la candidata del campo largo a trazione Pd-M5s risulta avanti col 46,1% sul sindaco di Cagliari fermo al 45,3%. Renato Soru, leader della Coalizione Sarda, è al 7,7%, mentre Lucia Chessa di Sardigna R-esiste allo 0,9%.

Alle 16:30 circa, Paolo Truzzu del centrodestra risulta in vantaggio nella competizione elettorale per le regionali in Sardegna. Il sindaco di Cagliari ed esponente FdI ha ottenuto finora il 47% delle preferenze, mentre Alessandra Todde del centrosinistra è ferma al 44%.

Poco dopo le 18, scrutinate 991 sezioni su 1844, il 53,7%: Truzzu scende al 45,6%, mentre Todde sale al 45%.

Intorno alle 19 Alessandra Todde e Paolo Truzzu sono entrambi al 45,3% nella corsa per le regionali in Sardegna. Attualmente sono state scrutinate 1139 sezioni su 1844, ossia il 61,8%.

Superate le 19: l’ufficio elettorale Sardegna ha reso noto che i dati complessivi si avranno tra le 4 e le 5 del mattino. Un orario che potrebbe variare se dovesse esserci un’accelerata nell’inserimento dei dati.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 27 Febbraio 2024 8:26

Gelo tra Mattarella e Matteo Salvini: “L’autorevolezza non si misura sui manganelli”

nl pixel